Shared posts

16 Mar 17:02

Topological insulator laser: Theory

by Harari, G., Bandres, M. A., Lumer, Y., Rechtsman, M. C., Chong, Y. D., Khajavikhan, M., Christodoulides, D. N., Segev, M.

Topological insulators are phases of matter characterized by topological edge states that propagate in a unidirectional manner that is robust to imperfections and disorder. These attributes make topological insulator systems ideal candidates for enabling applications in quantum computation and spintronics. We propose a concept that exploits topological effects in a unique way: the topological insulator laser. These are lasers whose lasing mode exhibits topologically protected transport without magnetic fields. The underlying topological properties lead to a highly efficient laser, robust to defects and disorder, with single-mode lasing even at very high gain values. The topological insulator laser alters current understanding of the interplay between disorder and lasing, and at the same time opens exciting possibilities in topological physics, such as topologically protected transport in systems with gain. On the technological side, the topological insulator laser provides a route to arrays of semiconductor lasers that operate as one single-mode high-power laser coupled efficiently into an output port.

16 Mar 17:02

Topological insulator laser: Experiments

by Bandres, M. A., Wittek, S., Harari, G., Parto, M., Ren, J., Segev, M., Christodoulides, D. N., Khajavikhan, M.

Physical systems exhibiting topological invariants are naturally endowed with robustness against perturbations, as manifested in topological insulators—materials exhibiting robust electron transport, immune from scattering by defects and disorder. Recent years have witnessed intense efforts toward exploiting these phenomena in photonics. Here we demonstrate a nonmagnetic topological insulator laser system exhibiting topologically protected transport in the cavity. Its topological properties give rise to single-mode lasing, robustness against defects, and considerably higher slope efficiencies compared to the topologically trivial counterparts. We further exploit the properties of active topological platforms by assembling the system from S-chiral microresonators, enforcing predetermined unidirectional lasing without magnetic fields. This work paves the way toward active topological devices with exciting properties and functionalities.

16 Mar 16:18

The undercover academic keeping tabs on ‘predatory’ publishing

by Dalmeet Singh Chawla

The undercover academic keeping tabs on ‘predatory’ publishing

The undercover academic keeping tabs on ‘predatory’ publishing, Published online: 16 March 2018; doi:10.1038/d41586-018-02921-2

Blacklists that warn against questionable publishers are in demand.
15 Mar 10:34

Russian science chases escape from mediocrity

by Quirin Schiermeier

Russian science chases escape from mediocrity

Russian science chases escape from mediocrity, Published online: 13 March 2018; doi:10.1038/d41586-018-02872-8

With Vladimir Putin set to earn another presidential term, researchers wonder whether his government will reverse decades of decline.
15 Mar 10:34

How Putin can restore Russian research

How Putin can restore Russian research

How Putin can restore Russian research, Published online: 13 March 2018; doi:10.1038/d41586-018-03066-y

The sleeping bear of Russian science could finally wake — and China can show it how.
13 Mar 11:48

Network structure from rich but noisy data

by M. E. J. Newman

Network structure from rich but noisy data

Network structure from rich but noisy data, Published online: 12 March 2018; doi:10.1038/s41567-018-0076-1

A technique allows optimal inference of the structure of a network when the available observed data are rich but noisy, incomplete or otherwise unreliable.
13 Mar 08:42

Smart Home Security

If they're getting valuable enough stuff from you, at least the organized crime folks have an incentive to issue regular updates to keep the appliance working after the manufacturer discontinues support.
09 Mar 17:38

Lessons from Italy’s policy shift on immunization

by Roberto Burioni

Lessons from Italy’s policy shift on immunization

Lessons from Italy’s policy shift on immunization, Published online: 21 February 2018; doi:10.1038/d41586-018-02267-9

Lessons from Italy’s policy shift on immunization
09 Mar 17:27

Confocal non-line-of-sight imaging based on the light-cone transform

by Matthew O’Toole

Not really sure yet what is so new and amazing in this paper. Anybody can help?

Confocal non-line-of-sight imaging based on the light-cone transform

Confocal non-line-of-sight imaging based on the light-cone transform, Published online: 05 March 2018; doi:10.1038/nature25489

A confocal scanning technique solves the reconstruction problem of non-line-of-sight imaging to give fast and high-quality reconstructions of hidden objects.
09 Mar 17:06

Fund ideas, not pedigree, to find fresh insight

by Thomas Sinkjær

Fund ideas, not pedigree, to find fresh insight

Fund ideas, not pedigree, to find fresh insight, Published online: 06 March 2018; doi:10.1038/d41586-018-02743-2

Anonymous applications free scientists to make bold proposals; ‘golden tickets’ free reviewers to bet on them, says Thomas Sinkjær.
09 Mar 11:31

Does your code stand up to scrutiny?

Does your code stand up to scrutiny?

Does your code stand up to scrutiny?, Published online: 06 March 2018; doi:10.1038/d41586-018-02741-4

Nature journals encourage researchers who submit papers that rely on bespoke software to provide the programs for peer review.
09 Mar 11:29

How baby’s first microbes could be crucial to future health

by Sarah DeWeerdt

How baby’s first microbes could be crucial to future health

How baby’s first microbes could be crucial to future health, Published online: 07 March 2018; doi:10.1038/d41586-018-02480-6

Altering the community of bacteria that live in the gut might help infants to thrive or even avoid conditions such as asthma and diabetes.
09 Mar 11:04

The spread of true and false news online

by Vosoughi, S., Roy, D., Aral, S.

We investigated the differential diffusion of all of the verified true and false news stories distributed on Twitter from 2006 to 2017. The data comprise ~126,000 stories tweeted by ~3 million people more than 4.5 million times. We classified news as true or false using information from six independent fact-checking organizations that exhibited 95 to 98% agreement on the classifications. Falsehood diffused significantly farther, faster, deeper, and more broadly than the truth in all categories of information, and the effects were more pronounced for false political news than for false news about terrorism, natural disasters, science, urban legends, or financial information. We found that false news was more novel than true news, which suggests that people were more likely to share novel information. Whereas false stories inspired fear, disgust, and surprise in replies, true stories inspired anticipation, sadness, joy, and trust. Contrary to conventional wisdom, robots accelerated the spread of true and false news at the same rate, implying that false news spreads more than the truth because humans, not robots, are more likely to spread it.

09 Mar 11:03

Cover stories: Visualizing the spread of true and false news on social media

09 Mar 11:02

Strong Localization of Surface Plasmon Polaritons with Engineered Disorder

by Wen-Bo Shi, Lian-Zi Liu, Ruwen Peng, Di-Hu Xu, Kun Zhang, Hao Jing, Ren-Hao Fan, Xian-Rong Huang, Qian-Jin Wang and Mu Wang

TOC Graphic

Nano Letters
DOI: 10.1021/acs.nanolett.7b05191
08 Mar 16:53

Recent progress in sham acupuncture needles

by Martin Gardiner

And this is why self-reported medical improvement are an absolutely pointless metric.

A new ‘sham’ (i.e. fake) needle has been developed for use in electro-acupuncture trials – one which has neither a needle nor a valid electrical connection. [See diagram].

It’s described by Dr Yiu Ming Wong of the Health Science Unit (PEC), Hong Kong Physically Handicapped & Able Bodied Association, Kowloon, Hong Kong, in a letter for Acupuncture in Medicine, February 2018, Volume 36, Issue 1, entitled : ‘Evaluating blinding effectiveness of a novel Ryodoraku sham needle device’. In an experimental setup, 95% of participants reported that they felt they had been treated with a real needle. Dr Wong says that the new sham needle may help determine the efficacy of Ryodoraku electro-acupuncture (REA) in future clinical trials.

A supplementary video (in .mp4 format) which shows the sham needle in use (or rather not in use) is available here for download.

Also see previous post : Sham acupuncture needles – how do they perform?

08 Mar 14:33

Educazione civica: non pervenuta

by .mau.

Sempre l’altro giorno su Facebook, Vittorio Bertola aveva scritto un post spiegando che non è che prima si fa il governo, poi si cerca l’accordo e infine si prende l’incarico, ma l’accordo è la prima cosa e il governo l’ultima. Un puntacazzista come me non ha potuto fare a meno di aggiungere che il Presidente della Repubblica ha anche la possibilità di dare un incarico esplorativo, cosa che immagino farà vista la situazione di stallo; e mi chiedevo quanto tempo si possa andare avanti con un governo (Gentiloni) che in fin dei conti non è stato sfiduciato né è formalmente dimissionario, quindi è nei suoi pieni poteri.
Subito uno – di nuovo, non faccio nomi: non sono importanti – ribatte:

Nel momento in cui le camere vengono sciolte, non esiste più neanche la fiducia accordata al governo. Il governo gentiloni è attualmente in carica solo per le attività di ordinaria amministrazione. Così è previsto dalla costituzione.

al che io subito rispondo “in quale articolo?” Un altro a sua volta risponde

60, 61? La Camera resta in carica (per atti di ordinaria…) fino a che ….

e io ribatto che quegli articoli parlano di Camere (potere legislativo) che sono diverse dal governo (potere esecutivo). Per la cronaca, nessuno ha più continuato a commentare.

Quando andavo a scuola io non si studiava storia ma “storia ed educazione civica”, che non spiegava come comportarsi in pubblico ma forniva queste nozioni fondamentali, come appunto la separazione dei tre poteri. Evidentemente, non solo nessuno impara più queste cose, ma quello che è peggio è che ritiene di saperle perfettamente. Prima di lamentarci dei risultati elettorali, cominciamo a lamentarci dell’ignoranza totale della res politica.

08 Mar 09:18

A rift in VR: Critical error shuts down Oculus headsets worldwide [Updated]

by Samuel Axon

Add to the list of why "always online" is a terrible, terrible idea.

(credit: Oculus)

Update: Oculus has released an early morning patch to correct the problem. If you've started up your Rift and encountered the error, you'll need to download and apply the patch manually. If you haven't started up your Rift since yesterday or aren't encountering the error, the update will be automatically applied for you. Oculus also says it will give all affected users a $15 Oculus Store credit.

Original story: Oculus Rift users worldwide found today that their headsets stopped working completely. Users encountered a "Can't Reach Oculus runtime Service" error, which prevented further use of the headset. The problem appears to affect most, if not all, Oculus Rift headsets.

Users began reporting the issue in the Oculus forums, and Oculus tweeted an acknowledgment of the problem at 12:26 PM today, along with a link to a support forum post on the subject, which simply says the following:

Read 4 remaining paragraphs | Comments

08 Mar 08:57

03/07/18 PHD comic: 'So productive'

Piled Higher & Deeper by Jorge Cham
Click on the title below to read the comic
title: "So productive" - originally published 3/7/2018

For the latest news in PHD Comics, CLICK HERE!

07 Mar 18:38

Science of science

by Fortunato, S., Bergstrom, C. T., Börner, K., Evans, J. A., Helbing, D., Milojevic, S., Petersen, A. M., Radicchi, F., Sinatra, R., Uzzi, B., Vespignani, A., Waltman, L., Wang, D., Barabasi, A.-L.

Identifying fundamental drivers of science and developing predictive models to capture its evolution are instrumental for the design of policies that can improve the scientific enterprise—for example, through enhanced career paths for scientists, better performance evaluation for organizations hosting research, discovery of novel effective funding vehicles, and even identification of promising regions along the scientific frontier. The science of science uses large-scale data on the production of science to search for universal and domain-specific patterns. Here, we review recent developments in this transdisciplinary field.

06 Mar 18:34

Saturday Morning Breakfast Cereal - Dear Science


Click here to go see the bonus panel!

Science Satan will try to tempt you every time you go through the herbal medicine section of a Whole Foods, my friends. Stay strong.

New comic!
Today's News:

Geeks of London! As if this writing there are exactly 8 discounted signed copies of Soonish left! Buy soon or feel shame!

05 Mar 09:36

Scientific Salami Slicing: 33 Papers from 1 Study

by Marc Abrahams

The Neuroskeptic blog looks at how how a super-masterful sausage slicer makes sausage slices:

Scientific Salami Slicing: 33 Papers from 1 Study

Salami slicing” refers to the practice of breaking scientific studies down into small chunks and publishing each part as a separate paper.

Given that scientists are judged in large part by the number of peer-reviewed papers they produce, it’s easy to understand the temptation to engage in salami publication. It’s officially discouraged, but it’s still very common to see researchers writing perhaps 3 or 4 papers based on a single project that could, realistically, have been one big paper.

But I’ve just come across a salami that’s been sliced up so thinly that it’s just absurd. The journal Archives of Iranian Medicine just published a set of 33 papers about one study. Here they are – this is a rather silly image, but it’s a silly situation….

01 Mar 08:51

No, la BBC non ha detto che gli operatori ONU abusano delle donne in Siria

by Paolo Attivissimo
Fonte: Sky TG24 /
Vi siete mai chiesti come nasce una fake news? Possiamo vedere questo processo andando a prendere la recentissima, terribile notizia degli abusi sulle donne in Siria da parte di operatori dell'ONU in cambio di aiuti umanitari, che è falsa anche se è stata pubblicata da molte testate giornalistiche cartacee e televisive, come nota Bufale un tanto al chilo.

Quasi tutte le testate che hanno pubblicato la notizia errata hanno citato la fonte, che è un servizio della BBC, quindi con un alto livello di credibilità. La citazione ha comprensibilmente dato ai lettori e agli spettatori l’impressione che non ci potesse essere alcun dubbio di autenticità.

Ma andando a recuperare questa fonte emerge che il testo originale della notizia non parla affatto di “operatori dell’ONU”, ma di “uomini del posto che consegnavano gli aiuti per conto delle Nazioni Unite e di organizzazioni di beneficenza internazionali in Siria”. La BBC precisa che sono stati proprio gli operatori dell’ONU a denunciare questi abusi. Questi “uomini del posto” hanno il controllo politico delle aree bisognose di questi aiuti e il personale dell’ONU deve per forza passare tramite loro.

Fonte: BBC.

C'è una grande differenza fra accusare di abusi contro le donne il personale dell’ONU e le persone del posto, ma questa differenza si è persa nella traduzione dall’inglese da parte di chi ha riportato la notizia in italiano. In altre parole, la notizia falsa è nata per un errore di chi l’ha tradotta.

Ma come è possibile che tutte le testate giornalistiche in italiano abbiano commesso lo stesso errore? In teoria ognuna dovrebbe attingere alla fonte originale, tradursela e poi scrivere il proprio articolo o servizio, ma la realtà della produzione giornalistica è molto differente dalla teoria.

In moltissime redazioni si pratica infatti il cosiddetto “giornalismo copiaincolla”: non si va alla fonte originale, ma si copia e si incolla il testo di qualche agenzia di stampa (o, in alcuni casi, di qualche testata concorrente), gli si aggiunge qualche aggettivo e qualche considerazione generale, e il lavoro è fatto. I moderni mezzi informatici rendono questo copia-e-incolla estremamente semplice e conveniente, e la tentazione di usarli senza fare i controlli che invece sarebbero necessari è sempre molto forte per via della fretta e della pressione di pubblicare.

Il risultato è che se un giornalista o un’agenzia di stampa sbaglia e tutti copiano da lì, l’errore si propaga. I lettori, poi, vedono la stessa notizia ripetuta da varie fonti apparentemente indipendenti e quindi credono che sia autentica e verificata, anche se in realtà non è vera o è gravemente travisata, come nel caso della notizia sugli abusi contro le donne in Siria.

Conoscere questi meccanismi di produzione delle notizie è utile per non incappare in fake news come questa; conoscere le altre lingue, in particolare l’inglese, per poter andare alla fonte originale di una notizia è un antidoto prezioso a questo genere di errore a catena, sia come lettori, sia come giornalisti. In un mondo perfetto questo controllo da parte dei lettori non dovrebbe essere necessario, ma i fatti dimostrano, purtroppo, che anche il giornalismo contribuisce alle fake news e quindi occorre difendersi.

Questo articolo è basato sul testo preparato per il mio servizio La Rete in 3 minuti per Radio Inblu dell’1 marzo 2018.
Scritto da Paolo Attivissimo per il blog Il Disinformatico. Ripubblicabile liberamente se viene inclusa questa dicitura (dettagli). Sono ben accette le donazioni Paypal.
25 Feb 12:59

02/21/18 PHD comic: 'Whose interest?'

Piled Higher & Deeper by Jorge Cham
Click on the title below to read the comic
title: "Whose interest?" - originally published 2/21/2018

For the latest news in PHD Comics, CLICK HERE!

21 Feb 18:27

Self-Driving Issues

If most people turn into muderers all of a sudden, we'll need to push out a firmware update or something.
21 Feb 16:15

L’astronauta, la giornalista e l’intervista fantasma. Storia di ordinario giornalismo

by Paolo Attivissimo
Ultimo aggiornamento: 2018/02/22 21:35.

Ne avrete sentito parlare: una testata giornalistica ha pubblicato un’intervista all’astronauta Samantha Cristoforetti, che ha messo online una dettagliata e garbata smentita pubblica, nella quale ha dichiarato categoricamente di non aver mai rilasciato quell’intervista, ha scelto di non fare il nome della testata o della giornalista coinvolta e ha chiesto che venisse pubblicata una rettifica, mettendosi comunque a disposizione per un‘intervista autentica.

Risultato: la testata ha rimosso l’intervista e la sua direttrice ora minaccia querela a “chiunque dica che il mio giornale ha inventato un’intervista”.

Internet non è garbata, non dimentica e non perdona, per cui le identità della testata e della giornalista sono emerse in men che non si dica e sono ormai note, quindi non ricorro a inutili omissioni: la direttrice è Daniela Molina, la testata è, l’intervista era qui (link non più funzionante) e la giornalista autrice dell’intervista è Laura Placenti.

L’intervista è stata ripescata dalla cache di Google e salvata su, dove potete leggerla per farvene un’opinione personale: ve lo consiglio, perché va messa a confronto con la risposta della Cristoforetti.

A questo punto la direttrice si è palesata su Facebook con nome e cognome, nel gruppo Giornalisti italiani su Facebook, minacciando appunto querela. Raccomando di leggere anche tutta la sua versione degli eventi, che riporto qui sotto come screenshot per chi non è iscritto a Facebook e non lo vuole frequentare:

Non solo: la direttrice della testata ha accusato Samantha Cristoforetti di aver “VOLUTO levare il lavoro” alla giornalista e ha affermato che “evidentemente era la Cristoforetti a volere tutto questo rumore”. Certo, perché quando vai nello spazio e lavori per tornarci non hai di meglio da fare che attaccare una giornalista.

Tutto indica invece che ha pubblicato un’intervista palesemente, sfacciatamente, maldestramente inventata e piena di errori. Quel “Sally Raid” al posto di Sally Ride (manco fosse un insetticida), quel “Yuri Gagarin nel 1961, fu il primo uomo a uscire dall’orbita terrestre”, quel “il primo uomo Neil Amstrong [sic] mise il primo piede nello Spazio”, il nome sbagliato della figlia di Samantha e tante altre perle giornalistiche dello stesso calibro sono, per essere molto educati, castronerie da matita blu.

Sì, direttrice Molina, mi quereli pure perché oso dire le cose come stanno: l’intervista pubblicata dalla testata di cui lei è responsabile è stata inventata. Questo è il mio parere professionale basato sui fatti, come giornalista e come persona che conosce Samantha Cristoforetti da anni e sa che non direbbe mai e poi mai quelle banalità che le vengono attribuite (diventare mamma sarebbe “una nuova avventura emotiva che ti fa volare oltre l’infinito”). Basta leggere una sua qualunque intervista autentica per rendersene conto. Non lo farebbe neanche sotto minaccia di tortura tramite poesia Vogon.

Con sublime quanto involontaria autoironia, fra l’altro, si vanta che “A differenza dei comuni siti di informazione, infatti, noi siamo obbligati dalla Legge e dai Codici deontologici prescritti dall’Ordine dei Giornalisti a controllare la veridicità di ogni articolo pubblicato” (copia su Beh, si è visto come funziona questo controllo di veridicità.

Pubblicare interviste inventate, attribuendo agli intervistati scempiaggini che non hanno mai detto, è un malcostume diffuso che affossa la già traballante credibilità del giornalismo. In un momento in cui si parla tanto di fake news, la scelta di Laura Placenti di falsificare un’intervista è una vergogna per la categoria: è un tradimento del patto sociale con i lettori. E la scelta della sua direttrice di minacciare querela a chi osa dire che il re è nudo e di accusare un’astronauta in questo modo è un atto di arroganza anche peggiore.

Non è certo questo il giornalismo che ci può salvare dalle fake news.

Nota tecnica

Durante le mie ricerche per questo articolo ho notato una particolarità nel testo della (presunta) intervista: l’uso, da parte di Laura Placenti, della curiosa grafia errata “Svletana Savitzakaia” al posto di “Svetlana Savitzkaya” per far citare alla Cristoforetti la prima donna al mondo che ha compiuto un’attività extraveicolare (o “passeggiata spaziale”). Notate il refuso “Svletana”, con la L prima della T.

In tutta Internet, gli unici due altri articoli trovati da Google che contengano quella stessa grafia sono questo, sul sito (copia su, e il suo equivalente in spagnolo presso La versione francese scrive invece “Svetlana Savitzakaia” (T ed L sono nell'ordine giusto nel nome, ma il cognome ha sempre una A di troppo). Guarda caso, in tutti e tre questi articoli, come in quello di Laura Placenti pubblicato da e poi rimosso, c’è anche lo stesso errore sul cognome dell’astronauta Sally Ride, che viene scritto erroneamente Raid.

Non faccio congetture su quale legame vi possa essere fra questi articoli e quello di Laura Placenti, ma mi pare molto improbabile che due errori così specifici vengano ripetuti su per puro caso.

I siti, .es e .fr sono di proprietà della Procter & Gamble, concetto ribadito anche qui, e contengono soltanto pubblicità di prodotti di quest’azienda. Si tratta dunque di siti pubblicitari travestiti da siti d’informazione. E che informazione: notate, per esempio, che le presunte autrici dei contenuti si presentano come “Noi cinque” anche se la foto mostra solo quattro persone (anche nella versione spagnola), ma soprattutto che le stesse donne si chiamano Maria, Laura, Lisa, Anna e Carla nella versione italiana, però sono Beatriz, Isabel, Carmen, Raquel e Patricia in quella spagnola e sono Anne, Béatrice, Catherine, Nathalie e Patricia in quella francese. Fake news industriale, insomma.

Noi cinque, che siamo quattro.

Aggiornamento: 2018/02/22

Nei commenti, Marco Alici segnala una ulteriore, sorprendente coincidenza. Questa è una risposta che Laura Placenti attribuisce, con tanto di virgolette, a Samantha Cristoforetti nell’asserita intervista ora rimossa:

Sempre nel 1984 la prima donna americana a svolgere un’attività extra veicolare fu Kathryn Sullivan, che successivamente volò in altre due missioni Shuttle, totalizzando 532 ore di permanenza nello spazio. Ci vollero quasi vent’anni (fino all’estate del 2007) prima che Barbara Morgan (che era stata la riserva di Christa McAuliffe) potesse volare sulla missione STS-118 e insegnare dallo spazio alcune delle lezioni proprio di Christa McAuliffe.


E questa è una frase tratta dall’articolo di

Sempre nel 1984 la prima donna americana a svolgere un'attività extra veicolare fu Kathryn Sullivan, che successivamente volò in altre due missioni Shuttle, totalizzando 532 ore di permanenza nello spazio. Ci vollero quasi vent'anni (fino all'estate del 2007) prima che Barbara Morgan (che era stata la riserva di Christa McAuliffe) potesse volare sulla missione STS-118 e insegnare dallo spazio alcune delle lezioni proprio di Christa McAuliffe.


Una coincidenza davvero impressionante. Attendo impaziente le spiegazioni di Daniela Molina o della sempre più silente Laura Placenti.
Scritto da Paolo Attivissimo per il blog Il Disinformatico. Ripubblicabile liberamente se viene inclusa questa dicitura (dettagli). Sono ben accette le donazioni Paypal.
21 Feb 11:04

What makes a good theory or modelling paper?

by Ross H. McKenzie
There is an excellent editorial in the journal Langmuir
Writing Theory and Modeling Papers for Langmuir: The Good, the Bad, and the Ugly
Han Zuilhof, Shu-Hong Yu, David S. Sholl

The article is written in the context of a specific journal, that has a focus on surface and colloid chemistry, and predominantly experimental papers and readers.
The article is structured around the five questions below, that should actually be asked about any theory or computational paper.

Who is the intended audience?
Specifically, will the paper have an influence on the experimental community?

Are approximations and limitations clearly described? 

What physical insight is gained? 

Where does theory touch reality? 
Specifically, how does the work relate to experiment? Does it suggest new experiments to test the theory?

How can calculations be made reproducible? 

This is helpful advice and good for anyone to reflect on. On the other hand, this is so basic that the need for such an editorial reflects how bad science, and particularly computational modelling, has gotten. It is just too easy to download some software, run it for some complex chemical system that is fashionable, produce some pretty graphs, and write a paper....
21 Feb 10:26

Saturday Morning Breakfast Cereal - Statistical Flowers for Algernon


Click here to go see the bonus panel!

I think there's a reading of Flowers for Algernon where the truth is he's just fundamentally a dickhead and everyone else who gets the same treatment fails to have an existential crisis.

New comic!
Today's News:
20 Feb 09:33

Observation of three-photon bound states in a quantum nonlinear medium

by Liang, Q.-Y., Venkatramani, A. V., Cantu, S. H., Nicholson, T. L., Gullans, M. J., Gorshkov, A. V., Thompson, J. D., Chin, C., Lukin, M. D., Vuletic, V.

Why do they feel the need to repeat "quantum" every three words? It's both annoying, unnecessary and distracting.

Bound states of massive particles, such as nuclei, atoms, or molecules, constitute the bulk of the visible world around us. By contrast, photons typically only interact weakly. We report the observation of traveling three-photon bound states in a quantum nonlinear medium where the interactions between photons are mediated by atomic Rydberg states. Photon correlation and conditional phase measurements reveal the distinct bunching and phase features associated with three-photon and two-photon bound states. Such photonic trimers and dimers possess shape-preserving wave functions that depend on the constituent photon number. The observed bunching and strongly nonlinear optical phase are described by an effective field theory of Rydberg-induced photon-photon interactions. These observations demonstrate the ability to realize and control strongly interacting quantum many-body states of light.

20 Feb 09:28

Experimental statistical signature of many-body quantum interference

by Taira Giordani

Experimental statistical signature of many-body quantum interference

Experimental statistical signature of many-body quantum interference, Published online: 19 February 2018; doi:10.1038/s41566-018-0097-4

An experimental protocol to discern true multi-particle interference is demonstrated in a boson sampling device without dynamic reconfiguration. Statistical features of three-photon interference were evaluated in a seven-mode integrated interferometer.