Shared posts

28 Sep 13:46

Saturday Morning Breakfast Cereal - Pedant

by tech@thehiveworks.com


Click here to go see the bonus panel!

Hovertext:
Let's just be clear that the right move is to point out that your spouse is wrong and accept the divorce that follows.


Today's News:
26 Sep 15:19

It’s hard to think when someone Hadamards your brain

by Scott

“Unperformed measurements have no results.” —Asher Peres


With two looming paper deadlines, two rambunctious kids, an undergrad class, program committee work, faculty recruiting, and an imminent trip to Capitol Hill to answer congressional staffers’ questions about quantum computing (and for good measure, to give talks at UMD and Johns Hopkins), the only sensible thing to do is to spend my time writing a blog post.

So: a bunch of people asked for my reaction to the new Nature Communications paper by Daniela Frauchiger and Renato Renner, provocatively titled “Quantum theory cannot consistently describe the use of itself.”  Here’s the abstract:

Quantum theory provides an extremely accurate description of fundamental processes in physics.  It thus seems likely that the theory is applicable beyond the, mostly microscopic, domain in which it has been tested experimentally.  Here, we propose a Gedankenexperiment to investigate the question whether quantum theory can, in principle, have universal validity.  The idea is that, if the answer was yes, it must be possible to employ quantum theory to model complex systems that include agents who are themselves using quantum theory.  Analysing the experiment under this presumption, we find that one agent, upon observing a particular measurement outcome, must conclude that another agent has predicted the opposite outcome with certainty.  The agents’ conclusions, although all derived within quantum theory, are thus inconsistent.  This indicates that quantum theory cannot be extrapolated to complex systems, at least not in a straightforward manner.

I first encountered Frauchiger and Renner’s argument back in July, when Renner (who I’ve known for years, and who has many beautiful results in quantum information) presented it at a summer school in Boulder, CO where I was also lecturing.  I was sufficiently interested (or annoyed?) that I pulled an all-nighter working through the argument, then discussed it at lunch with Renner as well as John Preskill.  I enjoyed figuring out exactly where I get off Frauchiger and Renner’s train—since I do get off their train.  While I found their paper thought-provoking, I reject the contention that there’s any new problem with QM’s logical consistency: for reasons I’ll explain, I think there’s only the same quantum weirdness that (to put it mildly) we’ve known about for quite some time.

In more detail, the paper makes a big deal about how the new argument rests on just three assumptions (briefly, QM works, measurements have definite outcomes, and the “transitivity of knowledge”); and how if you reject the argument, then you must reject at least one of the three assumptions; and how different interpretations (Copenhagen, Many-Worlds, Bohmian mechanics, etc.) make different choices about what to reject.

But I reject an assumption that Frauchiger and Renner never formalize.  That assumption is, basically: “it makes sense to chain together statements that involve superposed agents measuring each other’s brains in different incompatible bases, as if the statements still referred to a world where these measurements weren’t being done.”  I say: in QM, even statements that look “certain” in isolation might really mean something like “if measurement X is performed, then Y will certainly be a property of the outcome.”  The trouble arises when we have multiple such statements, involving different measurements X1, X2, …, and (let’s say) performing X1 destroys the original situation in which we were talking about performing X2.

But I’m getting ahead of myself.  The first thing to understand about Frauchiger and Renner’s argument is that, as they acknowledge, it’s not entirely new.  As Preskill helped me realize, the argument can be understood as simply the “Wigner’s-friendification” of Hardy’s Paradox.  In other words, the new paradox is exactly what you get if you take Hardy’s paradox from 1992, and promote its entangled qubits to the status of conscious observers who are in superpositions over thinking different thoughts.  Having talked to Renner about it, I don’t think he fully endorses the preceding statement.  But since I fully endorse it, let me explain the two ingredients that I think are getting combined here—starting with Hardy’s paradox, which I confess I didn’t know (despite knowing Lucien Hardy himself!) before the Frauchiger-Renner paper forced me to learn it.

Hardy’s paradox involves the two-qubit entangled state

$$\left|\psi\right\rangle = \frac{\left|00\right\rangle + \left|01\right\rangle + \left|10\right\rangle}{\sqrt{3}}.$$

And it involves two agents, Alice and Bob, who measure the left and right qubits respectively, both in the {|+〉,|-〉} basis.  Using the Born rule, we can straightforwardly calculate the probability that Alice and Bob both see the outcome |-〉 as 1/12.

So what’s the paradox?  Well, let me now “prove” to you that Alice and Bob can never both get |-〉.  Looking at |ψ〉, we see that conditioned on Alice’s qubit being in the state |0〉, Bob’s qubit is in the state |+〉, so Bob can never see |-〉.  And conversely, conditioned on Bob’s qubit being in the state |0〉, Alice’s qubit is in the state |+〉, so Alice can never see |-〉.  OK, but since |ψ〉 has no |11〉 component, at least one of the two qubits must be in the state |0〉, so therefore at least one of Alice and Bob must see |+〉!

When it’s spelled out so plainly, the error is apparent.  Namely, what do we even mean by a phrase like “conditioned on Bob’s qubit being in the state |0〉,” unless Bob actually measured his qubit in the {|0〉,|1〉} basis?  But if Bob measured his qubit in the {|0〉,|1〉} basis, then we’d be talking about a different, counterfactual experiment.  In the actual experiment, Bob measures his qubit only in the {|+〉,|-〉} basis, and Alice does likewise.  As Asher Peres put it, “unperformed measurements have no results.”

Anyway, as I said, if you strip away the words and look only at the actual setup, it seems to me that Frauchiger and Renner’s contribution is basically to combine Hardy’s paradox with the earlier Wigner’s friend paradox.  They thereby create something that doesn’t involve counterfactuals quite as obviously as Hardy’s paradox does, and so requires a new discussion.

But to back up: what is Wigner’s friend?  Well, it’s basically just Schrödinger’s cat, except that now it’s no longer a cat being maintained in coherent superposition but a person, and we’re emphatic in demanding that this person be treated as a quantum-mechanical observer.  Thus, suppose Wigner entangles his friend with a qubit, like so:

$$ \left|\psi\right\rangle = \frac{\left|0\right\rangle \left|FriendSeeing0\right\rangle + \left|1\right\rangle \left|FriendSeeing1\right\rangle}{\sqrt{2}}. $$

From the friend’s perspective, the qubit has been measured and has collapsed to either |0〉 or |1〉.  From Wigner’s perspective, no such thing has happened—there’s only been unitary evolution—and in principle, Wigner could even confirm that by measuring |ψ〉 in a basis that included |ψ〉 as one of the basis vectors.  But how can they both be right?

Many-Worlders will yawn at this question, since for them, of course “the collapse of the wavefunction” is just an illusion created by the branching worlds, and with sufficiently advanced technology, one observer might experience the illusion even while a nearby observer doesn’t.  Ironically, the neo-Copenhagenists / Quantum Bayesians / whatever they now call themselves, though they consider themselves diametrically opposed to the Many-Worlders (and vice versa), will also yawn at the question, since their whole philosophy is about how physics is observer-relative and it’s sinful even to think about an objective, God-given “quantum state of the universe.”  If, on the other hand, you believed both that

  1. collapse is an objective physical event, and
  2. human mental states can be superposed just like anything else in the physical universe,

then Wigner’s thought experiment probably should rock your world.

OK, but how do we Wigner’s-friendify Hardy’s paradox?  Simple: in the state

$$\left|\psi\right\rangle = \frac{\left|00\right\rangle + \left|01\right\rangle + \left|10\right\rangle}{\sqrt{3}},$$

we “promote” Alice’s and Bob’s entangled qubits to two conscious observers, call them Charlie and Diane respectively, who can think two different thoughts that we represent by the states |0〉 and |1〉.  Using far-future technology, Charlie and Diane have been not merely placed into coherent superpositions over mental states but also entangled with each other.

Then, as before, Alice will measure Charlie’s brain in the {|+〉,|-〉} basis, and Bob will measure Diane’s brain in the {|+〉,|-〉} basis.  Since the whole setup is mathematically identical to that of Hardy’s paradox, the probability that Alice and Bob both get the outcome |-〉 is again 1/12.

Ah, but now we can reason as follows:

  1. Whenever Alice gets the outcome |-〉, she knows that Diane must be in the |1〉 state (since, if Diane were in the |0〉 state, then Alice would’ve certainly seen |+〉).
  2. Whenever Diane is in the |1〉 state, she knows that Charlie must be in the |0〉 state (since there’s no |11〉 component).
  3. Whenever Charlie is in the |0〉 state, she knows that Diane is in the |+〉 state, and hence Bob can’t possibly see the outcome |-〉 when he measures Diane’s brain in the {|+〉,|-〉} basis.

So to summarize, Alice knows that Diane knows that Charlie knows that Bob can’t possibly see the outcome |-〉.  By the “transitivity of knowledge,” this implies that Alice herself knows that Bob can’t possibly see |-〉.  And yet, as we pointed out before, quantum mechanics predicts that Bob can see |-〉, even when Alice has also seen |-〉.  And Alice and Bob could even do the experiment, and compare notes, and see that their “certain knowledge” was false.  Ergo, “quantum theory can’t consistently describe its own use”!

You might wonder: compared to Hardy’s original paradox, what have we gained by waving a magic wand over our two entangled qubits, and calling them “conscious observers”?  Frauchiger and Renner’s central claim is that, by this gambit, they’ve gotten rid of the illegal counterfactual reasoning that we needed to reach a contradiction in our analysis of Hardy’s paradox.  After all, they say, none of the steps in their argument involve any measurements that aren’t actually performed!  But clearly, even if no one literally measures Charlie in the {|0〉,|1〉} basis, he’s still there, thinking either the thought corresponding to |0〉 or the thought corresponding to |1〉.  And likewise Diane.  Just as much as Alice and Bob, Charlie and Diane both exist even if no one measures them, and they can reason about what they know and what they know that others know.  So then we’re free to chain together the “certainties” of Alice, Bob, Charlie, and Diane in order to produce our contradiction.

As I already indicated, I reject this line of reasoning.  Specifically, I get off the train at what I called step 3 above.  Why?  Because the inference from Charlie being in the |0〉 state to Bob seeing the outcome |+〉 holds for the original state |ψ〉, but in my view it ceases to hold once we know that Alice is going to measure Charlie in the {|+〉,|-〉} basis, which would involve a drastic unitary transformation (specifically, a “Hadamard”) on the quantum state of Charlie’s brain.  I.e., I don’t accept that we can take knowledge inferences that would hold in a hypothetical world where |ψ〉 remained unmeasured, with a particular “branching structure” (as a Many-Worlder might put it), and extend them to the situation where Alice performs a rather violent measurement on |ψ〉 that changes the branching structure by scrambling Charlie’s brain.

In quantum mechanics, measure or measure not: there is no if you hadn’t measured.


Unrelated Announcement: My awesome former PhD student Michael Forbes, who’s now on the faculty at the University of Illinois Urbana-Champaign, asked me to advertise that the UIUC CS department is hiring this year in all areas, emphatically including quantum computing. And, well, I guess my desire to do Michael a solid outweighed my fear of being tried for treason by my own department’s recruiting committee…


Another Unrelated Announcement: As of Sept. 25, 2018, it is the official editorial stance of Shtetl-Optimized that the Riemann Hypothesis and the abc conjecture both remain open problems.

21 Sep 12:36

Saturday Morning Breakfast Cereal - Trees

by tech@thehiveworks.com


Click here to go see the bonus panel!

Hovertext:
Evolution is beautiful in general but a real asshole in particular.


Today's News:
20 Sep 11:05

Curve-Fitting

Cauchy-Lorentz: "Something alarmingly mathematical is happening, and you should probably pause to Google my name and check what field I originally worked in."
18 Sep 12:36

Focus: Astronomy Students Not Learning the Basics

by Philip Ball

Author(s): Philip Ball

Nearly half of middle school students in a Norwegian study thought that planets are bigger than stars, even after astronomy instruction.


[Physics 11, 93] Published Fri Sep 14, 2018

18 Sep 12:24

Come gli antivax hanno appiattito il dibattito sui vaccini

by Roberta Villa

C on i loro blog e siti complottisti, le campagne di reclutamento sui social network, le manifestazioni di piazza, le diverse forme di disobbedienza civile che mettono in atto, i movimenti antivaccinisti rischiano di ottenere esattamente il contrario di quel che chiedono: non una maggiore trasparenza, più sorveglianza e indipendenza dagli interessi delle aziende farmaceutiche, bensì una scienza sempre più arroccata sulle difensive, pronta a sacrificare la libera circolazione dei dati e delle informazioni per paura dell’uso che se ne potrebbe fare e forse, per timore di queste stesse conseguenze, disposta perfino a evitare di approfondire eventuali risultati che vadano contro le idee correnti, se queste possono allarmare il pubblico. Un effetto paradosso, sostenuto anche dai meccanismi di finanziamento della ricerca stessa, che potrebbe comprometterne la qualità, l’essenza  della sua missione e alla fine persino la sicurezza dei prodotti che arrivano ai cittadini, vaccini compresi. Se poi anche la stampa cascasse nello stesso errore, autocensurandosi, si potrebbe alimentare un circolo vizioso di sospetto capace di minare ulteriormente il capitale più prezioso della convivenza sociale, di cui fa parte, anche, l’adesione ai programmi vaccinali: la fiducia.

L’allarme è stato lanciato qualche settimana fa dalle pagine del New York Times: secondo la giornalista scientifica americana Melinda Wenner Moyer, il timore di alimentare nella popolazione false credenze e paure immotivate (soprattutto se pericolose, come quella che porta a rifiutare i vaccini) potrebbe spingere i ricercatori e le riviste scientifiche a essere più prudenti nel pubblicare (e soprattutto pubblicizzare) risultati negativi, che potrebbero essere fraintesi.

Il valore di una notizia
Per chi lavora nel mondo della scienza, o ne conosce i meccanismi, un singolo studio è solo un tassello che va a comporre un mosaico più ampio. Il suo ruolo periferico o centrale, nel disegno complessivo, cambia in relazione a chi l’ha condotto, se autorevole o sconosciuto, se da un singolo gruppo o da molti diversi in varie parti del mondo, se riferito a colture cellulari, modelli animali o pazienti in carne e ossa, a quanto è ampio il campione che considera, a molti altri aspetti metodologici e statistici che sarebbe lungo spiegare qui. Quanto più le sue conclusioni vanno contro conoscenze già acquisite, tanto più richiedono conferme forti. È molto difficile che un solo lavoro basti a far cambiare idee consolidate e, tanto meno, procedure mediche già sperimentate e in uso da anni.

Per il pubblico, però, è spesso il contrario. Il dato scientifico a cui si crede di più non è quello consolidato nel tempo, ma l’ultima notizia rilanciata con clamore dai media. E i media, per loro natura, dovendo attirare l’attenzione dei loro utenti, talvolta privilegiano i risultati più recenti e più controcorrente, non quelli che confermano cose risapute. Come lettori e telespettatori, tutti noi ci aspettiamo notizie che siano novità, che ci stupiscano o, meglio ancora, che diano conferma alle nostre idee preconcette, soprattutto se servono a convincere noi stessi e gli altri che le nostre scelte non sono irrazionali, ma “basate sulla scienza”. Così, un piccolo studio mal fatto, che esce su una rivista di terz’ordine, irrilevante nel grande magma della letteratura scientifica, se è curioso o se va nella direzione che desideriamo, può avere più risalto in tv di un’importante ricerca che rassicura su qualcosa che è dato per scontato.

Meglio evitare?
Per contrastare tutto ciò, quando la posta in gioco è alta, e non si tratta solo di promettere che una porzione al giorno di mirtilli migliori la vista o che il sesso mantenga giovani, le fonti giornalistiche più serie talvolta si pongono da sole dei limiti, anche senza che intervenga una vera e propria censura esterna. Nel clima di polarizzazione che caratterizza il dibattito in Italia, poi, dove per essere accusati di antivaccinismo basta esprimere dubbi sull’opportunità di ricorrere all’obbligo, l’effetto è ancora più marcato. Testate e giornalisti schierati a “favore della scienza” ospitano malvolentieri notizie che “possano essere fraintese”, o che possano “creare confusione” nei lettori. Il mantra è: “i vaccini sono sicuri ed efficaci”. Ogni distinguo, ogni precisazione è assolutamente da evitare.

D’altra parte, non hanno tutti i torti. L’esperienza insegna che il problema esiste. La segnalazione di una reazione avversa mai vista prima, registrata dopo una singola vaccinazione, diventa facilmente, nella percezione comune, “la conferma scientifica” che le vaccinazioni in toto sono pericolose, prima ancora che si indaghi per verificare, o escludere, che il collegamento tra i due fatti non sia una semplice, per quanto sfortunata, coincidenza.

Georges Gobet/Getty Images.

Basta ricordare quel che è successo in Italia alcuni anni fa con il caso Fluad, un vaccino antinfluenzale raccomandato agli anziani. Per capire cosa accadde, occorre sapere che il sistema di sorveglianza delle reazioni avverse ai farmaci dell’Agenzia italiana del farmaco (AIFA), per non lasciarsi sfuggire nessun segnale, registra qualunque evento indesiderato che si verifica dopo una vaccinazione, anche se, a prima vista, si potrebbe subito ragionevolmente escludere che questa ne sia responsabile.

Pensiamo al tipico esempio del signore che, uscendo dal centro vaccinale, viene investito da un’auto. L’episodio deve essere segnalato, anche se potrebbe apparire subito ovvio che la morte non è stata causata dal vaccino, ma da una tragica fatalità. La logica della norma è di garantire la massima sicurezza: se il numero di incidenti di questo tipo eccedesse in maniera statisticamente significativa quel che accade in identiche condizioni a persone non vaccinate, per esempio, si potrebbe sospettare che nei primi minuti dopo l’inoculazione la persona può subire un calo di attenzione. Si andrebbe più a fondo per verificare questa ipotesi. Se fosse confermata, si potrebbe allungare il tempo di osservazione richiesto dopo la vaccinazione prima di uscire per strada, salvando delle vite.

L’esempio è inventato, e paradossale, sia chiaro. Ma spiega perché nell’autunno del 2014 i medici curanti segnalarono la morte di tre anziani, e poi quattro, deceduti entro 48 ore dalla vaccinazione, anche senza una chiara spiegazione di come il vaccino avrebbe potuto provocarne la morte. Per cautela, l’agenzia ritirò alcuni lotti del vaccino per sottoporli a ulteriori controlli: era suo dovere accertarsi che non contenessero contaminanti pericolosi.

Reazioni scomposte
Come normale in un sistema in cui vige la libertà di stampa, e in cui la comunicazione è trasparente, la notizia arrivò ai giornali e al grande pubblico. Meno normale, tuttavia, furono le modalità con cui venne data, e la reazione scomposta che scatenò. In breve, ogni anziano o malato che casualmente era stato vaccinato nei giorni precedenti la naturale, inevitabile, fine della sua vita andò a incrementare il bilancio delle presunte vittime, che saliva di giorno in giorno, con un quotidiano che arrivò a titolare a caratteri cubitali in prima pagina: “Iniezione letale”. Presto le analisi dimostrarono che i vaccini non erano contaminati da nessuna sostanza pericolosa, e l’Istituto superiore di sanità calcolò che gli anziani deceduti dopo la vaccinazione non erano più di quelli che ci si sarebbe aspettati indipendentemente dalla vaccinazione in relazione alla loro età e alle loro condizioni di salute. Come in maniera efficace sintetizzò allora Silvio Garattini: “I vaccini possono prevenire l’influenza, non la morte per altre cause”. Se ci fosse un sistema di segnalazione per gli anziani che muoiono nelle 48 ore successive ad aver mangiato la pastina o visto il TG1 i casi sarebbero molti di più, ma ovviamente la “strage” non si potrebbe imputare alla Barilla o ai colleghi della televisione. Eppure, nonostante smentite e rassicurazioni, molti anziani rinunciarono alla vaccinazione, forse contribuendo all’eccesso di mortalità registrato nel 2015. Il caso mediatico contribuì inoltre ad alimentare paure nei confronti dei vaccini in generale, compresi quelli dell’infanzia, che pure non avevano nulla a che fare con l’episodio in questione.

L’episodio sembrerebbe scoraggiare la politica della trasparenza, e lo stesso si potrebbe dire delle reazioni scomposte alla pubblicazione dei dati sulle reazioni avverse ai vaccini resi noti recentemente dall’AIFA: non riesce a passare l’idea che una “segnalazione”, come nel caso precedente, non implica una responsabilità del vaccino, ma solo, appunto “un segnale” da indagare, che conferma l’attenzione da parte dei medici e delle istituzioni a cercare di non farsi sfuggire nulla, per garantire la massima sicurezza.

A volte queste segnalazioni hanno invece permesso di individuare reazioni realmente legate ai vaccini. È capitato per esempio durante l’influenza pandemica A/H1N1 del 2009, quella impropriamente chiamata “suina”. In alcuni Paesi del nord Europa si notò un aumento dell’incidenza di una condizione neurologica seria, la narcolessia, in concomitanza con la somministrazione di uno dei vaccini messi a punto per l’occasione, il Pandemrix. Il prodotto per cautela venne immediatamente ritirato dal mercato, i pazienti che potevano essere stati danneggiati ricevettero un sostanzioso indennizzo, ma la cosa non finì lì. Da allora gli scienziati cercano di capire come e perché ciò sia accaduto, solo con quel particolare vaccino, e solo in determinate zone, sebbene il prodotto fosse stato distribuito a milioni di persone anche in altri Paesi. Questo non solo per curiosità scientifica su una storia ormai chiusa, ma per accertarsi che con meccanismi analoghi altri vaccini non potessero provocare conseguenze simili. Ci sono molte ipotesi, ma nessuna è stata ancora confermata. Quel che sappiamo è che, tolto il Pandemrix, non ci sono state più segnalazioni di questo tipo. Eppure nel 2015 è bastata la pubblicazione di uno di questi mille studi, che onestamente cercano di far chiarezza, per suscitare in Italia (dove il vaccino non era mai entrato nemmeno ai tempi della pandemia) un’interrogazione parlamentare sulla sicurezza delle vaccinazioni antinfluenzali in genere. E questo non al momento della pubblicazione stessa, ma proprio all’inizio della campagna autunnale da cui si sperava di rimediare ai danni fatti l’anno prima dal caso Fluad.

Notizie “scottanti” o difficili da capire?
Cosa insegnano questi episodi? Che sarebbe meglio tenere questi dati nascosti? Non credo, ma occorre fare il possibile perché il pubblico, nel momento in cui chiede trasparenza, possa capire il senso delle informazioni che riceve. Altrimenti è inevitabile che anche noi giornalisti finiamo col farci degli scrupoli, se sull’altare della completezza dell’informazione si possono sacrificare addirittura vite umane.

In sostanza, è possibile dare certe notizie a quei lettori più pigri che sembrano incapaci di andare al di là della nozione di “fa bene, fa male”, di cogliere la complessità di molti argomenti, le diverse sfaccettature di uno stesso problema? La nozione che fatica a passare è che ogni medaglia può avere il suo retro e che di solito rischi e benefici vanno soppesati tra loro. È ben difficile che i vantaggi non portino con sé nessun prezzo da pagare. Il punto è capire sempre meglio la realtà per cercare di ridurre il più possibile i rischi e amplificare i benefici.

Quando un vaccino viene approvato dalle autorità regolatorie ed è immesso sul mercato, per esempio, ha già dovuto dimostrare in studi clinici di essere sicuro e sufficientemente efficace. Ma l’effetto che avrà nell’intera popolazione, a volte, si può scoprire solo sul campo. L’introduzione del vaccino che protegge da 13 diversi sierotipi di pneumococco, per esempio, come ci si aspettava, ha inizialmente fatto calare tra i bambini l’incidenza di meningiti provocate da questo batterio in Francia. Un recente studio pubblicato su Lancet Infectious Disease ha però mostrato che questa ha poi ripreso a salire vertiginosamente, annullando in un paio di anni tutto il vantaggio guadagnato in quelli precedenti. Responsabile dell’inattesa conseguenza a lungo termine della vaccinazione sarebbe l’insorgenza di un nuovo sierotipo dello stesso batterio, che probabilmente, eliminati gli altri, ha trovato più spazio per diffondersi. Il guaio è che questo pneumococco dà infezioni molto più gravi, e molto più spesso è resistente agli antibiotici. Lo stesso si è verificato in altri Paesi e con altri germi, per esempio i meningococchi. Con un altro meccanismo, qualcuno ha ipotizzato che il vaccino acellulare attualmente in uso contro la pertosse, che ha soppiantato il precedente perché più sicuro, possa favorire la selezione di germi resistenti al vaccino stesso, esattamente come accade con gli antibiotici.

Paula Bronstein/Getty Images.

Mentre riferisco di questo studio, tremo, già immaginando come potrebbero essere lette queste righe. Significa che questi vaccini non servono? Che sono pericolosi per i bambini che li ricevono? Assolutamente no. Ma che a livello di sanità pubblica bisogna tenere presente queste eventualità, che si sono verificate anche quando il singolo vaccino è davvero “sicuro ed efficace”. Bisogna saperlo per essere pronti a riconoscere la malattia anche in un soggetto vaccinato, per esempio, o per lavorare al fine di inserire i nuovi sierotipi in un nuovo vaccino, e così via.

Lo stesso accade, in un certo senso al contrario, per i vaccini antinfluenzali, che per la loro scarsa efficacia a livello individuale conferiscono una protezione abbastanza limitata, ma che estesi ad ampie fasce di persone, nell’ambito di una strategia di popolazione, possono limitare i danni dell’epidemia stagionale. Eppure, quante volte si dice e si scrive apertamente che solo la metà delle persone vaccinate contro l’influenza (se va bene) sono effettivamente protette? Perché non si può sottolineare quello che tutti i medici sanno, cioè che proprio negli anziani, a cui questa vaccinazione è particolarmente raccomandata, questa efficacia è ancora inferiore? Parlarne potrebbe servire a investire su nuovi vaccini, a ragionare di nuove strategie di prevenzione, e intanto insistere su quelle di provata efficacia ma prese sotto gamba, come il semplice, ma frequente, lavaggio delle mani.

I vantaggi della trasparenza
Se il pubblico imparasse a interagire con la complessità di questi temi, gli sarebbe utile sapere che vengono condotte ricerche di questo genere, che non si danno per scontate efficacia e sicurezza, ma si sorvegliano le conseguenze delle vaccinazioni, come degli altri farmaci, a lungo termine, sul singolo e sulla comunità. Gli scienziati dovrebbero cercare liberamente ogni possibile punto debole dei vaccini come di ogni altro farmaco e gli editori dovrebbero essere pronti a mettere a disposizione di tutti queste informazioni. In un mondo ideale, quindi, io, come giornalista di salute, potrei proporre senza patemi un articolo critico su un vaccino al responsabile delle pagine di medicina di un quotidiano, e questi lo accetterebbe, non per dare uno scoop scandalistico, ma per fornire un’informazione utile. In un mondo ideale, (anche se, sempre in quel modo ideale, non dovrebbe essere questo lo scopo del giornalismo) la notizia dovrebbe rassicurare i lettori e far crescere la loro fiducia nei confronti della scienza e della medicina, e non il contrario, testimoniando l’attenzione che si presta a questo tema, dimostrando che si persegue sempre il meglio senza dare nulla per scontato.

In questo mondo, invece, io tanto quanto i colleghi delle redazioni siamo tentati di pensare che forse è meglio lasciare che di queste cose siano messi a conoscenza solo gli esperti. Non si fa cenno agli esiti sfavorevoli, come quelli che riguardano la sperimentazione del vaccino contro la dengue nelle Filippine. Invece di spiegare, si incrociano le dita, sperando che la gente non ne venga a sapere. Ma questa è solo una pia illusione.

Questa prudenza è inutile ai tempi di internet. La notizia non sfuggirà a qualcuno ostile per principi alle vaccinazioni, che facilmente può andare su Pubmed, scaricare gli abstract dei tanti articoli che ne hanno parlato sulla stampa scientifica e internazionale, e interpretarli come vuole sul suo blog antivax, che circolerà sui social e nei gruppi whatsapp dei genitori. In tal modo, un caso particolare, del tutto scollegato dalle altre vaccinazioni raccomandate, potrà diventare un esempio a supporto della sfiducia nei confronti di big pharma. Una volta che centinaia, migliaia di persone si saranno sentite raccontare la storia in questo modo, sarà molto più difficile far capire loro che non andava letta in quel modo. Ricordare che comunque i casi e le vittime per Dengue, grazie al vaccino, sono calate. Oppure precisare che l’eventuale leggerezza (in questo caso ancora da dimostrare) di un’azienda farmaceutica, in una specifica occasione, non significa che tutto ciò che viene da big pharma è il male.

Proprio per questo, secondo me, vale la pena di accettare la sfida della trasparenza. Se troveremo il coraggio di raccontare di tutti gli studi affidabili che riportano risultati negativi così come parliamo di quelli incoraggianti, cercando di comunicare in modo serio con il pubblico, rispettandolo, stimolandolo ad avere senso critico, uscendo dalla logica binaria del pro e contro a priori e senza sfumature, solo così, penso, si potrà riconquistare la sua fiducia. Quella stessa fiducia che riporterà i genitori a vaccinare i loro figli, sapendo che esiste sì un bilancio tra rischi e benefici, ma che se gli esperti raccomandano una procedura, lo fanno solo se, per quanto ne sappiamo, questo bilancio è nettamente, largamente, positivo.

L'articolo Come gli antivax hanno appiattito il dibattito sui vaccini proviene da il Tascabile.

18 Sep 12:23

Italiasubs e i diritti magmatici

by .mau.

A quanto pare, la direttiva europea sul copyright è solo un esempio di quello che i grandi detentori di diritti intendono fare. Da sabato scorso il sito ItalianSubs ha chiuso i battenti, “a seguito di segnalazioni di utilizzi impropri e illeciti da parte degli organi di controllo”. Facciamo un passo indietro. Italiansubs nasce nel 2005 per “fare i sottotitoli”: scrivere cioè le battute che vengono fatte vedere in calce alle serie tv non doppiate in italiano. Qual è il mercato dei sottotitoli in Italia? Zero. Era zero anche prima che nascesse il sito: da noi si preferisce appunto doppiare i film, quindi averli con l’audio in italiano. I sottotitoli sono relativamente semplici da fare (una volta Anna aveva bisogno di aggiungerli a un clip e me la sono cavata senza problemi), e molti appassionati hanno pensato così di aiutare i diversamente poliglotti. Qual è l’uso dei sottotitoli da soli? Zero. E dove sta allora il problema? Lo spiega moooolto chiaramente il segretario generale della Fapav (Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali). Cito dal Corsera: «Il problema è che questi file potrebbero creare delle distorsioni al mercato. Spesso infatti chi scarica i sottotitoli lo fa per vedere in anticipo film e serie Tv ancora non tradotti e magari li visiona o li scarica illegalmente.»

Rileggete quella frase. È l’equivalente del dire “Chi compra benzina potrebbe usarla per fare bottiglie Molotov”. Non c’è nessuna prova che chi prende i sottotitoli non abbia comprato un DVD della serie di telefilm. Non c’è nessuna prova che chi ha guardato in anteprima i film con i sottotitoli non li guarderà una volta tradotti: se hai bisogno di usarli, la tua padronanza della lingua originale non è il massimo, farai comunque fatica a leggere mentre guardi, e avrai voglia di poterti poi godere la visione originale. Però la Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali vuole magmaticamente espandere il suo – lecitissimo – copyright sui contenuti prodotti dai loro aderenti anche a qualcosa di diverso. Non c’è una grande differenza con la tassa sulle citazioni, dove prendere due parole di un articolo non si configura più come cronaca ma come un copyright in più da dover soddisfare, un po’ come la lava che scende e prende tutto. Sappiate che il futuro sarà sempre peggio.

14 Sep 15:23

Filtri, link, contenuti degli utenti. Cosa cambia con la riforma del copyright

by Bruno Saetta
[Tempo di lettura stimato: 11 minuti]

Il 12 settembre il testo di riforma della direttiva copyright è stato votato ed approvato dal Parlamento europeo. Si tratta in sostanza del medesimo testo bocciato a luglio, ma stavolta il voto è stato a favore, anche se con l’approvazione di alcuni emendamenti che comunque ne mutano ben poco l’impianto.

Precisiamo subito che il cammino della direttiva non è finito. Adesso il testo approvato sarà posto in discussione col Consiglio dell’Unione, dal quale dialogo, a porte chiuse, uscirà un testo, tra quello del Parlamento e quello del Consiglio, che poi sarà votato nella plenaria del Parlamento, probabilmente a gennaio 2019. Dopo di che, essendo una direttiva, occorre che i vari Stati la recepiscano per diventare legge, potendo anche entro certi limiti modificarla. Un paese europeo potrebbe in teoria anche non recepirla, ma questo farebbe scattare procedure di infrazione nei confronti del paese.

Libertà di panorama

La libertà di panorama, cioè un’esenzione che renda lecito fotografare ciò che è visibile nella pubblica via, non è prevista all’interno della direttiva, nonostante tale eccezione fosse richiesta da molti. Quindi non è lecito condividere foto delle vacanze con monumenti, assolutamente no ai giochi di luce della Torre Eiffel, attenzione a riprendere gli autobus con annunci e marchi ai lati del veicolo, e in genere tutto ciò che è soggetto a diritti d’autore non può essere ripreso e condiviso nemmeno se si trova sullo sfondo.

Contenuti generati dagli utenti

Il testo approvato non contiene nessuna esenzione per gli user generated content, cioè il riutilizzo di opere a fini di critica, revisione, illustrazione, caricatura o parodia (come i meme).

Estrazione di testo e dati

L’articolo 3 è stato in parte modificato. Riguarda un argomento che riceve poca attenzione, ma che risulta estremamente importante per i giornalisti e le startup e tutti coloro che lavorano coi dati. Si tratta del Data Mining, come ad esempio l'identificazione all'interno di un archivio di un gruppo di utenti in base a caratteristiche comuni, tipo la provenienza geografica.

La norma stabilisce un’eccezione al copyright, tra l’altro obbligatoria e non è possibile superarla tramite accordi contrattuali.
Purtroppo l’eccezione ha portata limitata alle organizzazioni di ricerca escludendo tutte le imprese e i singoli ricercatori, compreso quindi i giornalisti. L’esenzione riguarda solo la ricerca scientifica limitando notevolmente l’ambito di utilizzo. L’eccezione, inoltre, può essere neutralizzata tramite l’uso di misure di sicurezza da parte degli editori (tipo limitare lo scaricamento dei dati ad una certa quantità per ogni minuto).

Protezione per gli eventi sportivi

L’articolo 12a è stato introdotto nel testo come emendamento. È piuttosto interessante notare che alcuni parlamentari pare non sapessero nemmeno della sua esistenza, compreso lo stesso relatore Voss. Sentito sul punto, infatti, si è mostrato stupito che l'articolo, da lui votato, fosse nel testo.

Occorre ricordare che i filtri di caricamento già impediscono l'immissione sulle piattaforme online anche di brevi spezzoni di eventi sportivi. In ogni caso, il nuovo articolo prevede il divieto di rendere disponibile (pubblicare online o comunque inviare ad altri, cioé comunicazione o diffusione) parte dell’evento sportivo, come ad esempio brevi filmati, fotografie, e anche selfie a bordo campo. Tranne per l’organizzatore ovviamente.

La cosiddetta link tax (che non è una tassa sui link)

L’art. 11 è stato approvato con una modifica che esclude la sua applicazione nel solo caso in cui l’hyperlink sia accompagnato da “parole singole” (“individual words”). La modifica in sé non sposta molto la questione perché la norma riguardava e riguarda la pubblicazione dei cosiddetti snippet, cioè l’insieme di un link, un titolo e qualche parola. Adesso sembrerebbe che anche l’indicazione dell’intero titolo, essendo più di “individual words”, possa portare al pagamento dei diritti connessi. Il motivo probabilmente sta nel fatto che in Germania Google ha preso a utilizzare il solo titolo con link.
L'idea alla base dovrebbe presumibilmente essere quella di tutelare la "fonte" originale da possibili copie. Dimenticando che il giornalismo odierno non è altro che la continua replica e il rimando o la citazione di altre fonti. Un articolo che riporta quello che dice un altro articolo che commenta quello che dice altra fonte, e così via. C'è grande differenza da quello che fa Google News? Se Repubblica cita il Corriere che commenta la Stampa, chi pagherà i diritti a chi? (vedi tweet di Thomas Baekdal)

Il punto fondamentale è che molti non hanno compreso la reale portata della norma. Alcuni giornali hanno anche giocato sull’equivoco che tale norma avrebbe per la prima volta (sic!) portato le grandi aziende del web a pagare i contenuti (articoli di giornali) che normalmente condividerebbero e sfrutterebbero gratis. Come dire che fino ad oggi le grandi aziende del web “rubavano” contenuti ai giornali, da domani invece non lo potranno fare più. Il che è piuttosto singolare, poiché se ieri rubavano vuol dire che c’era una norma che prevedeva che quel comportamento fosse un “furto”. Se c’era una norma, a che serve fare una norma del tutto nuova?

In realtà si è trattato di introdurre un nuovo diritto del tutto inesistente prima, che dovrebbe, forse, garantire un nuovo flusso di incassi all’editoria che si trova in piena crisi. Non c'entra la pirateria, non c'entra il furto di contenuti. Il punto che viene rimarcato è che spesso gli utenti degli aggregatori di news leggono lo snippet (cioè il titolo più alcune parole e il link all’articolo sul giornale) senza però cliccarci sopra, cioè dopo aver letto il titolo sull’aggregatore di news non vanno a leggere l’articolo sul giornale. Il ché sembrerebbe più che altro far pensare che l’articolo non interessa l’utente. Non sarebbe il caso di scrivere articolo (e titoli) migliori?

Inoltre, se il problema è che le grandi aziende del web (in primis Google) “rubano” i contenuti dei giornali, la strada migliore non sarebbe quella di impedire il “furto”? Ed è un’operazione banale, basta inserire un parametro (disallow) all’interno di un file (robots.txt) che si trova nella cartella principale (root) del sito web del giornale. Basta questo perché lo spider o crawler di Google non indicizzi gli articoli indicati. Lo si può fare per singole pagine, per singoli spider (quindi Google News no, Google Search si, ad esempio), ed è il normale modo di gestire l’indicizzazione dei contenuti online. Chiunque abbia mai gestito un sito web lo sa perfettamente. E sicuramente lo sanno tutti gli editori. Infatti esiste allo stato una proposta (della parlamentare Marijete Schaake) che mira a sanzionare il mancato rispetto di questo parametro, che comunque è strettamente rispettato da Google. Perché gli editori non hanno mai usato questo sistema per impedire il “furto”? Forse perché la presenza su Google News per loro è essenziale.

A questo proposito basterebbe avere studiato gli eventi passati per capire di cosa si parla. In Belgio nacque il problema per la prima volta. E Google News rispose espungendo i contenuti dei giornali dal suo servizio. Furono gli stessi editori a chiedere a Google di riammetterli nel servizio, precisando che in realtà quello che volevano era un sovvenzionamento per aiutare la transizione al digitale. E Google pagò un una tantum. Poi il problema si ripropose in Germania. La risposta di Google, di nuovo, fu di espungere tutti gli articoli di giornali dal servizio di News. Chi voleva essere presente in Google News doveva chiederlo espressamente autorizzando Google alla pubblicazione e rinunciando a qualsiasi remunerazione. Risultato? Chi prima e chi dopo, tutti gli editori hanno autorizzato e rinunciato ai soldi. Perché? Perché si sono resi conto che rende di più stare su Google News che starne fuori.

Ed infine, in Spagna la norma prevede che il pagamento dei diritti non è rinunciabile, quindi Google ha semplicemente chiuso il servizio News, trattandosi di un servizio periferico di scarsa importanza (per il business di Google). Risultato? Un forte calo del traffico che ha interessato principalmente i piccoli editori, e quelli indipendenti, un impatto di miliardi di euro all'anno su consumatori, creatori di informazioni, e inserzionisti. La nuova norma e la chiusura degli aggregatori incide sulla concorrenza nel mercato, sulla libertà di informazione e genera ostacoli all'innovazione e allo sviluppo di nuovi progetti locali (qui il rapporto). La perdita di traffico da parte dei giornali è stata fino al 14% per i piccoli editori, il 6% per i grandi editori. L’unico risultato ottenuto con le Link Tax è la contrazione del mercato, dove le perdite maggiori sono state sopportate dai piccoli editori. Alcuni piccoli editori locali hanno dovuto chiudere.

Quindi è apparso ovvio che serve più Google News ai giornali che viceversa, ma soprattutto Google News aiuta molto di più i piccoli editori a farsi trovare dagli utenti.

In conclusione: gli editori non vogliono che Google non pubblichi ("rubi") i link ai loro articoli (basta il parametro precisato sopra), ma vogliono stare su Google News e nel contempo vogliono che Google paghi per il “privilegio” di avere i link ai giornali, ai quali Google comunque fornisce un traffico non indifferente. Insomma, la botte piena e la moglie ubriaca.

A questo punto è arduo pronosticare cosa succederà dopo l’eventuale approvazione della direttiva. Anche se è difficile credere che Google lasci passare un precedente come questo. Tra l’altro, come fa notare Innocenzo Genna, Google potrebbe anche decidere di far pagare il servizio di posizionamento ed indicizzazione ai giornali, così compensando la remunerazione dovuta ai giornali.
Sempre usando le parole di Genna, “gli editori corrono il rischio di rimanere senza nulla”. Tutti siamo d’accordo che i giornalisti dovrebbero essere adeguatamente remunerati ma questo non vuol dire che occorre imporre una vera e propria tassa al primo che troviamo con le tasche larghe. L’articolo della direttiva sembra nato, dietro la spinta degli editori tedeschi, con l’unico scopo di trovare qualcuno che paghi la crisi dell’editoria, senza nemmeno provare ad analizzare i motivi di tale crisi, prendendosene le responsabilità.

Il risultato sarà praticamente nullo per gli editori, peggiorativo per i piccoli editori e in genere per la libertà di espressione e di stampa, e finirà per far chiudere gli aggregatori minori che non si potranno permettere di pagare tali remunerazioni, azzoppando un mercato, con perdita di posti di lavoro. Il problema, al solito, è che delle forme di business alternative a quella principale (degli editori e dell’industria del copyright) non se ne parla praticamente mai, per cui la stragrande maggioranza dei cittadini semplicemente non è a conoscenza del reale impatto che tali norme avranno su tanti lavoratori che finiranno a spasso.

Filtri per il copyright

L’articolo 13 è stato approvato con modifiche più sostanziali. Il testo non contiene più un riferimento alle “tecnologie per il riconoscimento dei contenuti” (i filtri), ma prevede semplicemente che la piattaforma che consente agli utenti di condividere contenuti avrà piena responsabilità per ogni parte di contenuto. L’unico modo per non incorrere in responsabilità per i contenuti immessi dagli utenti rimane solo quello di controllare ogni singolo contenuto immesso sui server. Che per ovvi motivi non può avvenire manualmente, ma dovrà aversi tramite sistemi di filtraggio dei contenuti. Questi sistemi, in base a dei sample forniti dall'industria del copyright, rimuoveranno tutti i contenuti che vengono riconosciuti, dai sistemi algoritmici realizzati dalle aziende del web, uguali o simili ai sample forniti dall’industria del copyright. La conseguenza ovvia sarà di incorrere in numerosi errori. Anche se il numero degli errori in percentuale fosse basso, in valore assoluto si parla di numeri davvero preoccupanti (qui una simulazione del filtraggio da parte dell’esperto di sicurezza Alex Muffet).

Inoltre il testo abolisce le salvaguardie per i diritti degli utenti, consentendo ai titolari dei diritti e alle piattaforme di contrattare i diritti degli utenti come parte dei termini e delle condizioni delle licenze (13.2 “in line with the terms and conditions set out in the licensing agreement”).

In questo caso sono stare introdotte delle esenzioni. Ad esempio sono esentate le piccole e micro imprese (non le medie imprese come impropriamente qualcuno ha scritto), come da definizione dell’allegato alla direttiva ecommerce. Per cui sono da escludere le aziende con meno di 50 dipendenti e con un fatturato fino a 10 milioni l’anno (revisione novembre 2017). Si tratta di un’esenzione doverosa non fosse altro che aziende più piccole semplicemente non possono permettersi il costo (non basso) dei sistemi di filtraggio dei contenuti.

Altre esenzioni sono previste per i servizi non commerciali, e per le piattaforme di sviluppo software open source. Nonostante proprio l’articolo menzioni le enciclopedia online, non è detto che l’esenzione si possa applicare a Wikipedia perché questa consente il riutilizzo delle opere anche a fini commerciali. Inoltre, l’esenzione non si dovrebbe applicare a GitHub perché su quella piattaforma di sviluppo e condivisione di software non è presente solo software open source.

Il testo appare piuttosto incerto nella formulazione e foriero di dubbi interpretativi. Ad esempio laddove statuisce che la pubblicazione di contenuti da parte delle piattaforme deve considerarsi un atto di comunicazione al pubblico, sembra in contrasto con la direttiva ecommerce e la giurisprudenza esistente. È vero che nelle più recenti sentenze la Corte di Giustizia europea si è incamminata in un percorso di estensione del concetto di comunicazione al pubblico, ma la direttiva pare fare un salto in avanti al momento non giustificabile.

Le stesse aggiunte di esenzioni appaiono più che altro un modo, improprio, per isolare nel campo le grandi piattaforme del web come per additare il “nemico” da combattere. In tal modo la direttiva tradisce un certo spirito di fondo da strumento per tutelare l’industria europea contro lo strapotere delle aziende del web.


Peccato che lo strumento sia, nella pratica, peggiorativo della situazione. Perché è evidente, a tutti coloro che non si fermano ai meri slogan, che assegnare alle piattaforme del web il ruolo di sceriffi della rete, delegandogli il potere di decidere cosa è lecito e cosa non lo è, sicuramente da a tali piattaforme ancora più potere di quello che già hanno.

L'industria dell'intrattenimento ha convinto molti, compreso alcuni artisti, che esiste una tecnologia magica che può identificare le opere protette da copyright e impedire che vengano diffuse, e che l’unico ostacolo è la testardaggine delle piattaforme del web. Molti credono che i filtri si limitino a rimuovere ciò che è illecito. Ma questo presuppone che ci sia un organo terzo che decide cosa è violazione e cosa no. Nella realtà sarà delegata agli algoritmi software, che dovranno realizzare le piattaforme del web, proprio la decisione su ciò che è violazione del copyright e ciò che non lo è.

Inoltre i filtri impediscono agli utenti legittimi, compreso gli artisti, di fare cose lecite. Ad esempio è recentissimo il caso del pianista Rhodes che esegue personalmente un’opera di Bach e riceve una avviso di violazione del copyright per la sua personale esecuzione. Non è un unico caso, e occorre chiedersi, a questo punto, come si concilia con la retorica che vede la direttiva in difesa dei diritti degli artisti, nel momento in cui alcuni artisti si vedono negare la possibilità di pubblicare le loro opere (e quindi di trarne profitto). E’ l’industria che decide chi è artista e chi no? Un artista che non vuole cedere i propri diritti all’industria per questo motivo può essere oscurato? Nella realtà la direttiva tutela gli interessi economici della grandi aziende, e gli artisti che non vogliono cedere i loro diritti alle grandi aziende non riceveranno alcuna tutela da questa normativa.

Ma non basta, perché è noto che i filtri non sono così difficili da superare. E qui soccorre l’esperienza relativa ai filtri utilizzati dal governo cinese che, per ovvi motivi, sono considerati i più efficaci al mondo. Un artista cosa dovrebbe fare? Imparare a superare i filtri del sistema? Se sei un artista dovresti dedicarti alle tue opere. Non hai il tempo di fare altro, e non puoi certo metterti in fila dietro a milioni di altre persone che si sono viste cancellare contenuti dai filtri.
Per l’industria dell’intrattenimento non c’è questo problema, loro hanno un accesso privilegiato alle piattaforme del web, e potranno sbloccare un loro contenuto se dovesse incappare nelle maglie del filtro.

Appare evidente, quindi, che al di là della retorica e degli slogan, l’utilità di questa direttiva per gli artisti, i giornalisti, i creativi in genere, sia piuttosto limitata, se non nulla. Di contro l’impatto della direttiva sulla libertà di espressione online può essere piuttosto pesante. Esempi di come si comportino i cosiddetti filtri ne abbiamo da anni, essendo già presenti, in forma volontaria, sulle principali piattaforme del web (cosa che le favorisce perché già sono conformi di fatto, mentre gli altri dovranno spendere un sacco di soldi per adeguarsi). E ogni giorno si trovano esempi di contenuti che vengono oscurati pur essendo del tutto leciti, come ad esempio è accaduto a luglio per una serie di articoli che, appunto, criticavano (guarda caso) proprio la direttiva copyright.

L’impressione è che la direttiva, inquadrata nell’ambito del Digital Single Market, sia, insieme ad altre norme similari, un modo per riorganizzare l’ambiente digitale, centralizzando il controllo del flusso delle informazioni nelle mani di poche grandi aziende, che fungono da sceriffi del web, e di contro riceveranno ovviamente dei vantaggi. In tal modo l'ambiente economico sarà ristrutturato così che certi modelli economici (es. quelli alternativi, tipo piattaforme che consentono il finanziamento diretto del pubblico delle opere degli artisti, saltando l’intermediazione dell’industria che prevede una cessione dei diritti da parte dell'artista medesimo) non siano più redditizi, portandoli alla chiusura, con grave danno per le piattaforme più piccole e gli editori minori.

La caratteristica di questa riforma è l'assoluta indifferenza ai danni collaterali sui diritti e le libertà dei cittadini, il risultato sarà un deserto culturale con un’unica grande pozza d’acqua sulla quale regneranno le grandi industrie, un deserto nel quale la moltiplicazione delle licenze e una frammentazione dei diritti creerà una pervasiva incertezza giuridica online. Sarà difficile anche solo sapere cosa possiamo fare e cosa è illecito, fermo restando che, alla fine, l'ultima parola sarà non di un giudice, non di uno Stato, ma di un freddo e privato algoritmo.

...

Sulla riforma copyright leggi anche:

I danni che la direttiva sul copyright farà alle nostre libertà e cosa possiamo fare per contrastarla (dove spieghiamo perché se una riforma del copyright è importante questa riforma è invece pericolosa per i diritti dei cittadini, evidenziando i pareri degli esperti e dei pionieri del world wide web contrari all’attuale testo).

Riforma Copyright: il dibattito che è mancato per responsabilità dei media

Tornano le proteste dei cittadini contro la direttiva copyright: in pericolo i nostri diritti (dove rispondiamo alle critiche dell’industria dell’editoria e del copyright contro la posizione dei cittadini che criticano l’attuale testo della direttiva).

La Commissione europea costretta a rivelare uno studio sulla pirateria tenuto nascosto

Firma la petizione su Change.org → Stop the censorship-machinery! Save the Internet!

Altro materiale sulla campagna SaveYourInternet

Quando si discute dell'impatto negativo della direttiva sulla libertà di manifestazione del pensiero ho notato che questo argomento non fa alcuna presa su molti cittadini, probabilmente perché non è compresa a pieno la sua importanza, per cui segnalo anche anche >> La libertà di espressione nell’era dei social network

Immagine anteprima via RFI_English

14 Sep 14:44

Focus: More Energy from Ocean Waves

by Mark Buchanan

Author(s): Mark Buchanan

A new structure concentrates water wave motion and could lead to improved techniques for harvesting this renewable energy resource.


[Physics 11, 89] Published Fri Sep 07, 2018

14 Sep 14:42

Synopsis: Ghost Imaging with Electrons

Ghost imaging—a sensitive imaging technique previously demonstrated with visible and x-ray light—has been extended to electrons.


[Physics] Published Tue Sep 11, 2018

14 Sep 12:53

Announcing the 2018 Ig Nobel Prizes winners

by Marc Abrahams

The 2018 Ig Nobel Prizes were awarded at the 28th First Annual Ig Nobel Prize ceremony, on Thursday, September 13, 2018, at Harvard’s Sanders Theatre. The ceremony was webcast. Here’s video of the entire ceremony, and a list of the winners:

For links to the prize-winning studies, see the list of all past (and new!) Ig Nobel Prize winners. The new winners are:

MEDICINE PRIZE [USA] — Marc Mitchell and David Wartinger, for using roller coaster rides to try to hasten the passage of kidney stones.

REFERENCE: “Validation of a Functional Pyelocalyceal Renal Model for the Evaluation of Renal Calculi Passage While Riding a Roller Coaster,” Marc A. Mitchell, David D. Wartinger, The Journal of the American Osteopathic Association, vol. 116, October 2016, pp. 647-652.

WHO ATTENDED THE CEREMONY: Dave Wartinger

 

ANTHROPOLOGY PRIZE [SWEDEN, ROMANIA, DENMARK, THE NETHERLANDS, GERMANY, UK, INDONESIA, ITALY] — Tomas Persson, Gabriela-Alina Sauciuc, and Elainie Madsen, for collecting evidence, in a zoo, that chimpanzees imitate humans about as often, and about as well, as humans imitate chimpanzees.

REFERENCE: “Spontaneous Cross-Species Imitation in Interaction Between Chimpanzees and Zoo Visitors,” Tomas Persson, Gabriela-Alina Sauciuc, and Elainie Madsen, Primates, vol. 59, no. 1, January 2018, pp 19–29.

WHO ATTENDED THE CEREMONY: Tomas Persson, Gabriela-Alina Sauciuc

 

BIOLOGY PRIZE [SWEDEN, COLOMBIA, GERMANY, FRANCE, SWITZERLAND] — Paul Becher, Sebastien Lebreton, Erika Wallin, Erik Hedenstrom, Felipe Borrero-Echeverry, Marie Bengtsson, Volker Jorger, and Peter Witzgall, for demonstrating that wine experts can reliably identify, by smell, the presence of a single fly in a glass of wine.

REFERENCE: “The Scent of the Fly,” Paul G. Becher, Sebastien Lebreton, Erika A. Wallin, Erik Hedenstrom, Felipe Borrero-Echeverry, Marie Bengtsson, Volker Jorger, and Peter Witzgall, bioRxiv, no. 20637, 2017.

WHO ATTENDED THE CEREMONY: Paul Becher, Sebastien Lebreton, Felipe Borrero-Echeverry, Peter Witzgall

 

CHEMISTRY PRIZE [PORTUGAL] — Paula Romão, Adília Alarcão and the late César Viana, for measuring the degree to which human saliva is a good cleaning agent for dirty surfaces.

REFERENCE: “Human Saliva as a Cleaning Agent for Dirty Surfaces,” by Paula M. S. Romão, Adília M. Alarcão and César A.N. Viana, Studies in Conservation, vol. 35, 1990, pp. 153-155.

WHO ATTENDED THE CEREMONY: The winners delivered their acceptance speech via recorded video.

 

MEDICAL EDUCATION PRIZE [JAPAN] — Akira Horiuchi, for the medical report “Colonoscopy in the Sitting Position: Lessons Learned From Self-Colonoscopy.”

REFERENCE: “Colonoscopy in the Sitting Position: Lessons Learned From Self-Colonoscopy by Using a Small-Caliber, Variable-Stiffness Colonoscope,” Akira Horiuchi and Yoshiko Nakayama, Gastrointestinal Endoscopy, vol. 63, No. 1, 2006, pp. 119-20.

WHO ATTENDED THE CEREMONY: Akira Horiuchi

 

LITERATURE PRIZE [AUSTRALIA, EL SALVADOR, UK] — Thea Blackler, Rafael Gomez, Vesna Popovic and M. Helen Thompson, for documenting that most people who use complicated products do not read the instruction manual.

REFERENCE: “Life Is Too Short to RTFM: How Users Relate to Documentation and Excess Features in Consumer Products,” Alethea L. Blackler, Rafael Gomez, Vesna Popovic and M. Helen Thompson, Interacting With Computers, vol. 28, no. 1, 2014, pp. 27-46.

WHO PLANS TO ATTEND THE CEREMONY: Thea Blackler

 

NUTRITION PRIZE [ZIMBABWE, TANZANIA, UK] — James Cole, for calculating that the caloric intake from a human-cannibalism diet is significantly lower than the caloric intake from most other traditional meat diets.

REFERENCE: “Assessing the Calorific Significance of Episodes of Human Cannibalism in the Paleolithic,” James Cole, Scientific Reports, vol. 7, no. 44707, April 7, 2017.

WHO ATTENDED THE CEREMONY: James Cole

 

PEACE PRIZE [SPAIN, COLOMBIA] — Francisco Alonso, Cristina Esteban, Andrea Serge, Maria-Luisa Ballestar, Jaime Sanmartín, Constanza Calatayud, and Beatriz Alamar, for measuring the frequency, motivation, and effects of shouting and cursing while driving an automobile.

REFERENCE: “Shouting and Cursing While Driving: Frequency, Reasons, Perceived Risk and Punishment,” Francisco Alonso, Cristina Esteban, Andrea Serge and Maria-Luisa Ballestar, Journal of Sociology and Anthropology, vol. 1, no. 12017, pp. 1-7.

REFERENCE: “La Justicia en el Tráfico: Conocimiento y Valoración de la Población Española” [“Justice in Traffic: Knowledge and Valuation of the Spanish Population”)], F. Alonso, J. Sanmartín, C. Calatayud, C. Esteban, B. Alamar, and M. L. Ballestar, Cuadernos de Reflexión Attitudes, 2005.

WHO ATTENDED THE CEREMONY: Francisco Alonso

 

REPRODUCTIVE MEDICINE PRIZE [USA, JAPAN, SAUDI ARABIA, EGYPT, INDIA, BANGLADESH] — John Barry, Bruce Blank, and Michel Boileau, for using postage stamps to test whether the male sexual organ is functioning properly—as described in their study “Nocturnal Penile Tumescence Monitoring With Stamps.”

REFERENCE: “Nocturnal Penile Tumescence Monitoring With Stamps,” John M. Barry, Bruce Blank, Michael Boileau, Urology, vol. 15, 1980, pp. 171-172.

WHO ATTENDED THE CEREMONY: John M. Barry, Bruce Blank, Michel Boileau

 

ECONOMICS PRIZE [CANADA, CHINA, SINGAPORE, USA] — Lindie Hanyu Liang, Douglas Brown, Huiwen Lian, Samuel Hanig, D. Lance Ferris, and Lisa Keeping, for investigating whether it is effective for employees to use Voodoo dolls to retaliate against abusive bosses.

REFERENCE: “Righting a Wrong: Retaliation on a Voodoo Doll Symbolizing an Abusive Supervisor Restores Justice,” Lindie Hanyu Liang, Douglas J. Brown, Huiwen Lian, Samuel Hanig, D. Lance Ferris, and Lisa M. Keeping, The Leadership Quarterly, February 2018.

WHO ATTENDED THE CEREMONY: Hanyu Liang, Douglas J. Brown, Huiwen Lian, D. Lance Ferris, and Lisa M. Keeping

12 Sep 11:20

I silenzi assordanti

by .mau.

Ora vi racconto una storia. Un paio di settimane fa noi di Wikimedia Italia ci siamo chiesti cosa avremmo potuto fare per sensibilizzare le persone sulla nuova votazione per la direttiva copyright. Mentre a luglio c’era un “tutto o niente” e quindi eravamo andati giù con l’accetta, stavolta c’era la possibilità di modificare alcuni punti che non sarebbero nemmeno troppo controversi: se un’opera è orfana significa che non si sa di chi siano i diritti, quindi nessuno ci guadagnerebbe comunque, e ci saranno forse cinque opere in Italia su cui qualcuno ci guadagna davvero con le foto. La nostra strategia si è così concentrata su quei punti, lasciando perdere la tassa sulle citazioni e il filtraggio sugli upload che erano ormai noti.

A parte l’aver spedito agli eurodeputati una certa quantità di cartoline in cui i monumenti presenti sono stati cancellati a pennarello – ma mi sa che i nostri parlamentari non guardino la posta cartacea… – abbiamo pensato alla possibilità di avere lo spazio per un “op-ed”. Questo termine arriva dagli USA, dove indica in articolo in posizione “opposta all’editoriale”: in pratica una voce indipendente, che non rispecchia la posizione ufficiale del giornale ma permette al lettore di avere altre informazioni. Da noi non esiste un vero e proprio posto per questi articoli, ma in pratica li si trova nelle pagine culturali. Bene: mi sono messo il cappellino di portavoce di Wikimedia Italia e ho scritto una bella letterina al direttore della Stampa chiedendo un po’ di spazio e spiegando che non volevo parlare dell’articolo 11 ma degli altri temi. Risultato: zero, dove per “zero” intendo “nemmeno una risposta preconfezionata che dice che il tema non fa parte degli interessi del giornale”. Dopo due giorni, ho scelto di rivolgermi ad altri giornali, ovviamente senza copincollare ma pensando alle peculiarità del singola testata. Ho così preso i due maggiori quotidiani italiani, Repubblica e Corriere; ho saltato Il Sole-24 Ore perché Confindustria è schierata ancora più dei gruppi editoriali standard; ho provato con Il Foglio, come giornale di nicchia ma con una notevole influenza; non ho scritto al Fatto perché il suo stile è troppo urlato per l’articolo che avevo in testa; avrei scritto al Giornale ma nel colophon non ho trovato un indirizzo email e il mio tentativo di indovinarlo è fallito (ah, le sue pagine culturali sono ottime), e ho scritto ad Avvenire perché lo ritengo interessante, visto che dà spazio a temi che non sono così visibili negli altri media. Risultato: l’unico che ha risposto è stato Avvenire, e così ieri il mio testo è apparso sul quotidiano della CEI.

Vorrei fare due considerazioni. La prima è che a fianco del mio intervento ne è stato pubblicato uno a favore della riforma “così com’è” scritto da un eurodeputato di Forza Italia. Questo è giustissimo. Noi non volevamo l’appoggio di nessuno; il nostro scopo era fare conoscere le nostre posizioni. Avvenire ha pertanto scelto di avere un’altra campana, il che non era solo suo diritto ma anche suo dovere nei confronti dei suoi lettori. La seconda cosa è molto più triste, invece. Wikimedia Italia non sarà famosa quanto il Codacons, ma dopo tutti questi anni non si può nemmeno dire che sia del tutto sconosciuta. Possibile che le segreterie di direzione – crederete mica che la mail ufficiale dei direttori sia quella indicata in colophon? È ovvio che ci debba essere un filtro – non si degnino nemmeno di rispondere “crepa!”? Evidentemente sì. Pensateci su.

10 Sep 16:02

Se i filtri del copyright rimuovono anche Beethoven

by Bruno Saetta
[Tempo di lettura stimato: 4 minuti]

La quinta sinfonia di Beethoven (voce su Wikipedia) fu composta tra il 1807 e l'inizio del 1808, e venne eseguita per la prima volta il 22 dicembre del 1808 al Theater an der Wien (Vienna). Le prime quattro note dell’opera sono famosissime nella cultura popolare, al punto da essere riprese in numerose altre opere. L’attacco della sinfonia è stato usato dalla famosa Radio Londra durante la seconda guerra mondiale. La sinfonia fu utilizzata anche per il film "V per Vendetta", riarrangiata in versione disco da Walter Murphy per il film "La febbre del sabato sera", e riadattata a cover della canzone di Robin Thicke con il titolo "When I Get You Alone".

Questo per rimarcare che si tratta di un’opera pacificamente nel pubblico dominio, cioè sulla quale non insistono più, e da tempo, diritti di autore. Un professore di teoria musicale tedesco, Ulrich Kaiser, decide quindi di utilizzare questa, ed altre opere, come materiale di studio per la sua classe. Ovviamente occorre anche considerare i diritti degli esecutori. In base alle leggi tedesche le registrazioni effettuate prima del 1963 sono entrate nel pubblico dominio (prima del 2013 i termini erano di 50 anni, poi portati a 70), per cui il professor Kaiser utilizza, nel rispetto delle norme, registrazioni precedenti al 1963 (qui l’articolo che illustra la vicenda, scritto direttamente dal professore).

La musica viene caricata sul sito del progetto, nel quale sono state inserite anche ampie note relative alla normativa sul diritto d’autore, e spiegazioni sul perché quelle opere sono nel pubblico dominio. Il primo video caricato su Youtube illustra il progetto, e in sottofondo si sentono alcune delle opere utilizzate, mentre il professore spiega.

Appena tre minuti dopo, il professore riceve una notifica di violazione del copyright, tramite il sistema di filtraggio dei contenuti, ContentID (qui un articolo che spiega cosa sono i sistemi di filtraggio automatizzati). Kaiser replica immediatamente, precisando che l’autore è morto da oltre 70 anni, l’opera è stata registrata nel 1962, e quindi è pacificamente nel pubblico dominio. Ma a questo punto, incuriosito, decide di fare un esperimento sul funzionamento di questi sistemi di verifica delle violazioni del copyright. Apre un nuovo account, Labeltest, al solo scopo di condividere ulteriori estratti di musica, selezionando solo musica nel pubblico dominio, tra le opere di Beethoven, Bartok, Schubert, Puccini e Wagner. Riceve delle segnalazioni di violazione del copyright per tutte queste opere.

Ad ogni segnalazione risponde precisando che: l’autore è morto da oltre 70 anni e si tratta di registrazioni antecedenti al 1963, quindi pacificamente nel pubblico dominio. Fa notare, altresì, che nessuna delle richieste di rimozione fornisce alcun elemento a supporto del diritto reclamato dal richiedente.

Cioé, per chiarire, con i sistemi di rimozione dei contenuti, il segnalante si limita ad affermare un diritto senza provarlo (cosa che potrebbe portare facilmente ad abusare del sistema di segnalazione), mentre chi immette il contenuto è colui il quale deve effettivamente provare di essere in regola col diritto (cosa piuttosto difficile se consideriamo che queste problematiche vengono sviscerate di solito in procedimenti giudiziari che durano anche anni). Insomma, si inverte l’onere della prova, rispetto a ciò che accadrebbe in un qualsiasi tribunale.

Un altro aspetto che il professore ci tiene a precisare è che la sua intenzione era di rilasciare i video con licenza gratuita e libera, così permettendo l’utilizzo a fini educativi per studenti anche ad altri, cosa che è lecita poiché su nessuno di essi insistono più diritti di autore. Ma non è stato possibile. Anche quando le repliche di Kaiser hanno ottenuto l’effetto di non rimuovere il video, comunque non è stato possibile inserire una licenza libera. Il sistema non la accettava.

Il professor Kaiser conclude che i sistemi di filtraggio

presentano notevoli difetti che possono portare alla riduzione delle risorse educative e culturali online”.

A questo punto occorre tenere presente che ContentId è il sistema di filtraggio dei contenuti più costoso, quello più testato e sicuramente uno dei migliori. Il fatto che tale sistema porti a frequenti errori nel riconoscimento delle opere, ma soprattutto il fatto che non sia un grado di distinguere tra un’opera soggetta a diritti ed una nel pubblico dominio, la dice lunga sull’utilità di tali strumenti. Eppure, al Parlamento è ancora in discussione un testo di riforma della direttiva copyright che, nonostante le ultime modifiche e i cosiddetti “compromessi”, nei fatti costringerà le piattaforme del web ad avere sistemi di filtraggio preventivo dei contenuti del tipo di ContentID. Pensate a quelle aziende che non si possono permettere di spendere 60 milioni (il costo di ContentID), che tipo di sistema di filtraggio finiranno per usare.

E non crediate che sia un caso unico. James Rhodes è un artista che ha eseguito un'opera di Bach nella sua casa, registrandola e immettendola online. Eppure riceve comunque un avviso di violazione del copyright. Copyright di chi? Bach è morto da oltre 300 anni e l'esecutore è lo stesso Rhodes.


Il 12 settembre si terrà il voto finale sulla riforma della direttiva copyright.

Leggi anche >> I danni che la direttiva sul copyright farà alle nostre libertà e cosa possiamo fare per contrastarla (dove spieghiamo perché se una riforma del copyright è importante questa riforma è invece pericolosa per i diritti dei cittadini, e menzioniamo i pareri degli esperti contrari all’attuale testo).

Leggi anche >> Tornano le proteste dei cittadini contro la direttiva copyright: in pericolo i nostri diritti (dove rispondiamo alle critiche dell’industria dell’editoria e del copyright contro la posizione dei cittadini contrari all’attuale testo della direttiva).

Leggi anche >> La Commissione europea costretta a rivelare uno studio sulla pirateria tenuto nascosto

Leggi anche >> Firma la petizione su Change.org → Stop the censorship-machinery! Save the Internet!

Leggi anche >> Altro materiale sulla campagna SaveYourInternet

Leggi anche >> Articolo di CopyBuzz (dove si spiega perché la direttiva copyright imporrà un sistema di filtraggio dei contenuti addirittura peggiore di quello americano).

Immagine in anteprima Joseph Karl Stieler [Public domain], via Wikimedia Commons

06 Sep 14:48

Saturday Morning Breakfast Cereal - We Are Here

by tech@thehiveworks.com


Click here to go see the bonus panel!

Hovertext:
I am prepared to lend this speech to any commencement speaker free of charge.


Today's News:
03 Sep 12:31

A simulated annealing approach to the student-project allocation problem

by Abigail H. Chown
American Journal of Physics, Volume 86, Issue 9, Page 701-708, September 2018.
03 Sep 12:31

Which part of a chain breaks?

by Seung Ki Baek
American Journal of Physics, Volume 86, Issue 9, Page 663-669, September 2018.
03 Sep 12:13

Like e anomalie su Twitter? Come funziona e cosa potete fare per difendervi

by David Puente

Negli ultimi giorni c’è una psicosi impressionante su Twitter. Utenti che si lamentano di “like” mai fatti, chi a favore di una o l’altra parte politica (le segnalazioni arrivate sono multiple, cambiano di volta in volta). C’è chi pensa di risolvere il tutto con un cambio password, ma non funziona in questo modo. È piuttosto probabile che dietro a questa storia ci sia un’applicazione che gli stessi utenti hanno deciso di usare accettandone i termini d’uso senza leggerli.

Vi ricordate il caso della Lega Nord e dei tweet automatici a favore di Salvini? In mezzo a quella storia c’era un’applicazione Twitter che aveva l’autorizzazione da parte degli utenti per pubblicare a nome loro:

Il trucco è nelle mani del social media manager di Salvini, che in occasione del raduno leghista svoltosi a Bologna l’8 novembre aveva ridato vita a una semplice applicazione, LegaNordIllustrator, compatibile con Twitter e già sfruttata in diverse occasioni (ora oscurata, ma era disponibile a questo indirizzo): chiunque poteva associare il proprio account Twitter autorizzando l’applicazione, e garantendo così un retweet automatico di ogni post indicato dall’applicazione. Di fatto quella creata dal social media manager di Salvini è una botnet—in un certo senso ‘legale’, visto che gli utenti avevano volontariamente autorizzato l’utilizzo dell’applicazione; sicuramente ben lontana dall’essere eticamente corretta.

Ho chiesto a coloro che hanno riscontrato i “like” anomali di inviarmi gli screenshot con le applicazioni che hanno attivato sul proprio account, al fine di individuare l’App più ricorrente e che poteva essere sospettata come colpevole. La più presente era una che verifica (ci prova) gli account veri che seguono un account, ma devo dire che tra le segnalazioni c’era chi inviava gli screen senza spiegarmi le anomalie riscontrate e alcuni non ce l’avevano. Forse l’avevano tolta dopo l’uso iniziale, non possiamo esserne sicuri al 100%. Tuttavia è bene che sappiate come funzionano certe cose e vi lascio questa guida per proteggere il vostro account.

 

Applicazioni e termini d’uso

Quando volete usare un’applicazione o un servizio legato a Twitter dovete accettare i termini d’uso. Questa schermata di esempio che vi mostro di seguito è fondamentale perché comprendiate il problema:

Schermata di autorizzazione di un’applicazione Twitter e i permessi che darete al suo gestore

Nella schermata notiamo che l’applicazione potrà:

  • Leggere i Tweet dalla vostra cronologia.
  • Vedere chi seguite e seguire nuove persone.
  • Aggiornare il vostro profilo.
  • Pubblicare Tweet dal vostro account.

Non male, ma potrebbe fare di più. Non potrà, infatti:

  • Accedere ai vostri Messaggi Diretti.
  • Vedere il vostro indirizzo email.
  • Vedere la vostra password di Twitter.

Dicevo “non male” così per dire, perché queste libertà consentono a chi gestisce l’applicazione di fare tante cose per conto vostro.

 

Come può un’applicazione fare “like” per voi?

Volete provare voi stessi? Avete un account Twitter? Bene, provate l’app “Likamelo” che ho creato a scopo educativo da questo link.

Successivamente seguite le istruzioni nel seguente capitolo dell’articolo e revocate l’accesso all’app “Likamelo“.

 

Basta cambiare la password? No!

Intanto, per la vostra sicurezza fate un primo controllo andando a cliccare sul menu account “Impostazioni e privacy” e subito dopo la voce “App e dispositivi” (da PC cliccate qua). Troverete l’elenco delle applicazioni collegate all’account (revocate l’accesso a quelle che ritenete inutili o a voi sconosciute, con attenzione) e in fondo i dispositivi utilizzati di recente per accedere a Twitter. Se in quest’ultima lista trovate qualche connessione strana potete scegliere di preoccuparvi o meno, ma a volte una località diversa da quella “comune” potrebbe essere dovuta al vostro operatore telefonico mobile o perché vi siete collegati a qualche Wi-Fi. Per essere sicuri in futuro dovete impostare la verifica dell’accesso via SMS.

Per prima cosa dovete avere un numero di cellulare associato al vostro account Twitter e confermarlo (qui trovate la guida utile):

  1. Clicca sull’icona del profilo in alto a destra della barra di navigazione e seleziona Impostazioni e privacy dal menu a tendina.
  2. Clicca sulla scheda Telefono.
  3. Seleziona il Paese nel menu a tendina.
  4. Inserisci il tuo numero di telefono. Non è necessario includere il prefisso internazionale o lo zero iniziale in quanto gestiamo queste informazioni automaticamente. Clicca su Continua.
  5. Invieremo un codice tramite SMS al numero di telefono che hai indicato. Inseriscilo nella casella Codice di verifica e clicca su Attiva numero di telefono.
  6. Comparirà il messaggio Il tuo numero di telefono è stato attivato! per confermare che il numero è stato aggiornato.
Menu “Account” e l’area per la verifica dell’accesso (premere su “Configura la verifica d’accesso”

Questi, invece, i passi per accedere al vostro account con utente, password e codice di autenticazione via SMS:

Per configurare la verifica dell’accesso su twitter.com:

  • Nel menu in alto, clicca sull’icona del tuo profilo e poi su Impostazioni e privacy.
  • Clicca sulle impostazioni dell’Account e poi su Configura la verifica dell’accesso.
  • Leggi le istruzioni generali, quindi clicca su Inizia.
  • Inserisci la tua password e clicca su Verifica.
  • Per aggiungere il tuo numero di telefono, clicca su Invia codice.
    Nota: se hai già un numero di telefono associato al tuo account Twitter, ti invieremo un SMS per confermare il numero.
  • Inserisci il codice di verifica inviato al tuo dispositivo, quindi clicca su Invia.
  • Clicca su Ottieni codice di backup per visualizzare un codice generato da Twitter. Ti consigliamo di salvare uno screenshot del codice, nel caso dovesse servirti in futuro. In questo modo ti sarà più facile accedere al tuo account se perdi il telefono o cambi numero.

Quando accederai al tuo account su twitter.com, Twitter per iOS, Twitter per Android o mobile.twitter.com, riceverai sul tuo telefono un SMS contenente un codice di accesso a sei cifre. Inserisci il codice quando ti viene richiesto di accedere all’account.

Con questo sistema, anche se non siete vittime di questa anomalia dei “like” indesiderati, potete comunque proteggere il vostro account. Utile, no?

L'articolo Like e anomalie su Twitter? Come funziona e cosa potete fare per difendervi proviene da Il Blog di David Puente.

03 Sep 11:41

08/31/18 PHD comic: 'Exam View'

Piled Higher & Deeper by Jorge Cham
www.phdcomics.com
Click on the title below to read the comic
title: "Exam View" - originally published 8/31/2018

For the latest news in PHD Comics, CLICK HERE!

31 Aug 13:11

Learning to see through multimode fibers

by Navid Borhani
Navid Borhani, Eirini Kakkava, Christophe Moser, Demetri Psaltis
Deep neural networks (DNNs) are used to classify and reconstruct the input images from the intensity of the speckle patterns that result after the inputs are propagated through multimode fiber (MMF). We were able to demonstrate this result for fibers up to 1 km long by training the DNNs with ... [Optica 5, 960-966 (2018)]
30 Aug 15:50

Folding photography in the time domain

by Sylvain Gigan

Folding photography in the time domain

Folding photography in the time domain, Published online: 29 August 2018; doi:10.1038/s41566-018-0245-x

Exploiting an optical cavity that folds space in time in a conventional lens design provides a novel route for time-resolved imaging and depth sensing.
30 Aug 15:40

Reconstructing the topology of optical polarization knots

by Hugo Larocque

Reconstructing the topology of optical polarization knots

Reconstructing the topology of optical polarization knots, Published online: 30 July 2018; doi:10.1038/s41567-018-0229-2

Knotted lines representing torus knot and figure-eight knot are produced in the polarization profile of optical beams, leading to a topological characterization of the structure of the polarization field.
21 Aug 11:26

Chi diffonde davvero le bufale

by .mau.

La tesi di base di Scimmie digitali, il libro che io e Paolo Artuso abbiamo pubblicato all’inizio di quest’anno, è che la cosiddetta rivoluzione digitale di questi ultimi anni non ha in realtà cambiato il modo in cui noi esseri umani comunichiamo. Certo, sono cambiati i mezzi con cui comunichiamo: ma per quanto plastico il nostro cervello sia esso non può essere così diverso da quello di vent’anni fa. In fin dei conti, anche senza rifarci alle grandi scimmie antropomorfe come abbiamo raccontao nel libro, vediamo tutti come i temi alla base delle tragedie greche sono ancora oggi riciclati per film e serie televisive.

Il mio pensiero è sempre stato che le chiacchiere da Facebook non hanno nulla di diverso, né nei temi trattati né nel loro contenuto medio, dalle chiacchiere da bar di una volta, e da quelle in piazza ancora prima: tutt’al più abbiamo un numero maggiore di potenziali intelocutori, anche se la legge di Dunbar ci dovrebbe ricordare che non riusciamo fisicamente ad avere interazioni serie con più di un centinaio o due di altre persone: un’altra prova che non siamo poi cambiati più di tanto. Eppure sembra proprio che questo sia falso: oggi pare che i leoni da tastiera siano sempre di più, e che si stia precipitando sempre più verso un baratro che nemmeno la legge di Cipolla aveva previsto così profondo: per lui in fin dei conti la quantità totale di intelligenza nel mondo rimane costante, non in diminuzione. Come spiegare questa discrepanza tra la teoria e la pratica, oltre che ammettere che la teoria è sbagliata, cosa su cui però non cediamo per nulla?

Un punto importante è sicuramente il copia-e-incolla, che non nasce con Internet ma con essa ha certo avuto un impulso notevolissimo. Il mantra “CONDIVIDI SE SEI INDIGNATO!!!!11!!” presenta l’enorme vantaggio competitivo di non richiedere uso del cervello o capacità di lettura del resto del testo – lasciamo perdere la comprensione, sarebbe davvero pretendere troppo – ma solo un clic. Magari non ci ricordiamo nemmeno del motivo per cui avevamo cominciato a seguire quella pagina: chissà, all’inizio forse scriveva cose che ci interessavano, e non ci siamo accorti della lenta deriva dei temi da essa trattati, perché non possiamo seguire proprio tutto quello che ci arriva come ci ricorda il numero di Dunbar. O peggio ancora abbiamo scelto di fidarci acriticamente di loro, sempre per la stessa ragione dell’impossibilità di seguire tutto, e abdicato all’uso dei nostri neuroni.

Tutto questo però non è sufficiente. Certo, arrivare ai grandi numeri è più facile di un tempo. Certo, la natura sociale umana fa sì – da millenni… – che più persone si radunino maggiore è la quantità di idiozie che possono produrre, e l’aumento è molto più che lineare perché tutti fanno a gara per spararle più grosse. Ma anche così non si spiega questo boom, non foss’altro che perché i copincollatori seriali per definizione non sono di solito in grado di esprimere un pensiero compiuto più lungo di dieci parole. Di chi è dunque la colpa di questa deriva? Semplice. La colpa è di tutti i politici che fanno campagna elettorale permanente a colpi di tweet, scegliendo quello che pare il punto di vista più condiviso (che in realtà almeno inizialmente è il più urlato). La colpa è di tutti i giornalisti che invece che fare il loro lavoro si limitano a fare cassa di risonanza non solo dei tweet dei politici ma di tutte le peggiori beceraggini trovate, per aumentare l’audience e non dover faticare. Soprattutto la colpa è di tutti noi. Sì, la colpa è nostra. È assolutamente inutile rispondere nel merito a qualcuno che tanto non leggerà mai quello che scriviamo, e probabimente non lo capirebbe comunque; spiegare le cose in modo comprensibile è una cosa complicata, io cerco di farlo da anni in un campo di per sé poco controverso come la matematica e non ci riesco mica sempre. È stupido pensare di replicare ai loro slogan con altri slogan di segno opposto: l’incisività è un’arte ancora piû complicata della divulgazione, e non possiamo competere con i professionisti pagati per creare gli slogan per politici e affini. Infine è deleterio condividere anche solo per ridere i post più imbecilli che troviamo in giro. Il post sarà anche imbecille per noi, ma non lo è evidentemente per tanta altra gente, e condividendolo stiamo facendo gli untori permettendogli di raggiungere altri lettori “non vaccinati”. Bel risultato, vero?

Attenzione. Non dico di rassegnarci e tacere; una soluzione simile è forse ancora peggiore di quanto capita oggi. Invece che condividere oppure commentare su post in cui tanto nessuno ci darà retta, è forse più utile scrivere una risposta ex novo (meglio se pubblica) e taggare i postatori originari. In questo modo avremo il vantaggio di giocare in casa, di potere cancellare i commenti pavloviani senza nessun contenuto e soprattutto di non contribuire a propagare quanto scritto da altri. Chiaramente quanto scriviamo deve essere a prova delle truppe cammellate di segnalatori seriali – ma tanto non vogliamo mica scendere al livello dialettico di certa gente, no? – il che dovrebbe essere più semplice se ricominciamo da zero e non rispondiamo. Evitiamo di entrare nelle discussioni; come si sa, non conviene mai farlo con un minus habens, perché prima lui ti porta al suo livello e poi grazie alla sua esperienza vince facile. E infine cominciamo a condividere i post con cui siamo d’accordo. Non potremo mai arrivare ai numeri dei bercianti, per l’ottima ragione che prima di condividere dovremmo essere certi che il testo altrui è interessante e questo richiede necessariamente tempo; ma almeno sapremo di non essere soli e che la nostra fatica non è inutile. Non raddrizzeremo le zampe ai cani, ma daremo un bastone agli zoppicanti.

20 Aug 10:16

Dark Matter Candidates

My theory is that dark matter is actually just a thin patina of grime covering the whole universe, and we don't notice it because we haven't thoroughly cleaned the place in eons.
17 Aug 14:20

Cosa prevede la convenzione Autostrade – Anas e la sua revoca

by Andrea Zitelli
[Tempo di lettura stimato: 7 minuti]

Il giorno successivo il crollo di una parte del “Ponte Morandi” a Genova in cui sono morte almeno 39 persone, con decine di persone ferite e altre ancora disperse, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato che il governo ha deciso di:

«(...) Avviare le procedure di revoca della concessione alla società Autostrade, sulla quale incombeva l'obbligo e l'onere di curare la manutenzione del viadotto».

Una decisione, ha specificato Conte, che va “al di là di quelle che sono le verifiche che verranno fatte in sede penale” perché non si può “attendere i tempi della giustizia penale” in quanto il governo ha il “compito di far viaggiare tutti i cittadini in sicurezza”. Simili dichiarazioni sulla revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia erano state fatte in precedenza dal ministro dell’Interno Matteo Salvini, dal ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio e da quello dei Trasporti, Danilo Toninelli.

Leggi anche >> Quello che si sapeva da tempo del “Ponte Morandi” di Genova

Successivamente, però, in base a nuove dichiarazioni di esponenti del governo, la decisione di avviare una procedura è sembrata più sfumata.  In una nota il Ministero dei Trasporti ha dato notizia che è stata istituita che una "Commissione ispettiva" il cui lavoro "è il primo atto" con cui si "intende fare luce sull'accaduto e avviare tutti gli accertamenti necessari". "Le risultanze del lavoro svolto dalla Commissione – si legge ancora – entreranno nella valutazione per la procedura di un'eventuale revoca della concessione". Nel Il blog delle stelle viene pubblicato un post in cui si legge: "Attendiamo il lavoro dei tecnici inviati dal ministro Toninelli, attendiamo il lavoro della magistratura nell’accertare eventuali responsabilità, ma non attendiamo neanche un minuto di più a esigere – insieme ai ministri Di Maio e Toninelli – le immediate dimissioni dei vertici di autostrade per l’Italia. Quel ponte necessitava di una profonda manutenzione da decenni! Bene ha fatto il ministro delle Infrastrutture, a evocare, qualora ce ne siano le condizioni, anche il ricorso alla revoca della concessione e alle eventuali multe connesse ad inadempienze".  Il ministro dell'Interno, Salvini, ha dichiarato infine che "da Autostrade puntiamo ad ottenere, nell'immediato, fondi e interventi a sostegno dei parenti delle vittime, dei feriti, dei 600 sfollati e della Comunità di Genova tutta, anche in termini di esenzione dai pedaggi. Di tutto il resto parleremo soltanto dopo".

Nella serata di ieri arriva però una dichiarazione di Luigi Di Maio che sembra far tornare certa la decisione sulla revoca: "Chi non vuole revocare le concessioni deve passare sul mio cadavere. C’è la volontà politica del Governo: vogliamo revocare queste concessioni".

Cosa prevede la convenzione tra Anas e Autostrade per I’Italia

Come spiega il Post “le autostrade italiane, comprese quelle gestite da Autostrade per l’Italia, sono un bene di proprietà dello Stato, ma sono state spesso gestite da società 'concessionarie' che gestiscono la rete autostradale e ne raccolgono i profitti pagando in cambio un canone allo Stato”. In questo caso, il canone pagato è del 2,4% dei proventi netti da pedaggio, mentre la durata prevista della concessione arriva al 31 dicembre 2038, ma è stata prevista una proroga fino al 2042 dopo che l’Ue ha dato il via libera agli investimenti per fare altre opere (come ad esempio la Gronda di Genova), a patto di applicare degli incrementi tariffari limitati.

Sul ponte Morandi correva l’autostrada A10, gestita, insieme ad altre autostrade (in totale la gestione arriva a quasi la metà delle rete autostradale formata da 6668 km complessivi), da Autostrade per l’Italia (di Atlantia, controllata dalla famiglia Benetton) in base a una convenzione tra Anas (dal 2012 è subentrato il Ministero dei Trasporti) e la società firmata il 12 ottobre 2007 e diventata efficace l’8 giugno 2008.

Fino a gennaio dello scorso anno queste convenzioni erano secretate, poi però sotto il governo Gentiloni, con il ministro dei Trasporti guidato da Graziano Delrio, sono state rese pubbliche in parte (mancavano, specifica il Corriere della Sera, ad esempio, i piani economico-finanziari). Al riguardo Toninelli ha annunciato che verranno desecrate “integralmente tutti i contratti in essere con i concessionari autostrade” e pubblicati sul sito del Ministero dei Trasporti.

Tra gli obblighi previsti per il Concessionario (cioè Autostrade per l’Italia) all’articolo 3, comma 1, lettera b), c’è quello del “mantenimento della funzionalità delle infrastrutture concesse attraverso la manutenzione e la riparazione tempestiva delle stesse”.

I poteri del concedente (cioè lo Stato) sono stabiliti dall’articolo 7: può richiedere informazioni ed effettuare controlli, “con poteri di ispezioni, di accesso, di acquisizione della documentazione e delle notizie utili in rispetto degli obblighi” di Autostrade per l’Italia. Nella lettera d) del comma 1 si legge che lo Stato, in caso di inosservanza da parte del Concessionario degli obblighi stabiliti o in caso di una sua mancata ottemperanza alle richieste di informazioni e i documenti acquisiti non siano veritieri, può irrogare, “salvo che il caso costituisca reato”, sanzioni amministrative pecuniarie non inferiori a 25mila euro e non superiori a 150 milioni. Nel testo si aggiunge anche che “in caso di reiterazione delle violazioni” lo Stato ha la facoltà di “proporre al ministro competente la sospensione o la decadenza della concessione”.

Con l’articolo 8 della convenzione viene previsto che nel caso in cui lo Stato accerti che si sia verificato un grave inadempimento riguardo gli obblighi stabiliti, provvederà a comunicare gli elementi dell’accertamento effettuato stabilendo “un congruo termine” entro il quale Autostrade per l’Italia dovrà provvedere, “in ordine degli accertamenti”, fornendo le proprie giustificazioni. Se il tempo stabilito trascorrerà senza che Autostrade abbia presentato i chiarimenti e giustificazioni richiesti, oppure se quest’ultime non vengano accettate dallo Stato, allora il concedente può avviare il procedimento che porterà alla decadenza dalla concessione.

La decadenza è regolata dall’articolo 9 della convenzione e viene dichiarata nel caso in cui “perdura la grave inadempienza” da parte del Concessionario, cioè Autostrade per l’Italia, degli obblighi previsti.

Una volta constatato il perdurare degli inadempimenti da parte del Concessionario, lo Stato lo diffida ad adempiere ai suoi obblighi entro un termine di tempo non inferiore a 90 giorni. Se non vengono rispettati i tempi della prima diffida, il Concedente può intimare Autostrade per l’Italia di rispettare gli obblighi entro un ulteriore lasso di tempo di 60 giorni. Se anche queste tempistiche non vengono rispettate, allora il Ministero delle Infrastrutture stabilirà la decadenza con decreto legge.

Al termine del procedimento di decadenza, lo Stato dovrà comunque pagare ad Autostrade per l’Italia un importo corrispondente al valore attuale netto dei ricavi della gestione, “prevedibile dalla data del provvedimento di scadenza sino alla scadenza della concessione, al netto dei relativi costi, oneri, investimenti ed imposte prevedibile nel medesimo periodo” (il testo di come stabilire l’importo continua prevedendo anche altra clausole).

Nell'articolo 9 bis del contratto si trova poi scritto che "fermo restando quanto previsto dall'articolo 9", Autostrade per l'Italia "avrà diritto, nel rispetto del principio dell'affidamento, a un indennizzo/risarcimento" che lo Stato dovrà pagare nel caso di "recesso, revoca, risoluzione, anche per inadempimento del Concedente, e/o comunque cessazione anticipata del rapporto di Convenzione pur indotto da atti e/o fatti estranei alla volontà" della Stato, anche "di natura straordinaria e imprevedibile".

Lorenzo Salvia sul Corriere della Sera scrive che “considerato che nell’ultimo anno gli utili di Autostrade per l’Italia sono stati pari quasi a un miliardo di euro, 968 milioni” e la scadenza prevista della concessione per il 2042, l’indennizzo che lo Stato dovrà pagare si aggirerebbe intorno ai 20 miliardi di euro. Questa calcolo viene riportato anche dal Sole 24 ore e dal Fatto Quotidiano.

Ma quindi revocare la concessione è possibile?

Come abbiamo visto a livello il procedimento è possibile, ma, come scrive Marcello Clarich sul Sole 24 Ore, "richiede necessariamente una serie di approfondimenti tecnici, giuridici ed economici da avviare con le dovute forme" e termina con un indennizzo che lo Stato dovrà pagare.

Luigi Olivieri sul blog Phastidio.net spiega che nel contratto tra le due parti (agli articoli 9 e 9-bis) sono previste quattro ipotesi di interruzione anticipata del rapporto: decadenza, recesso, revoca e risoluzione. In particolare, continua Olivieri, la decadenza opera sul piano amministrativo ed "è generalmente conseguenza dello spirare del termine o del venire a mancare delle condizioni soggettive od oggettive (carenza che può anche essere originaria del rapporto concessorio, ma scoperta dopo) necessarie per l’efficacia di provvedimenti amministrativi finalizzati a permettere ad un privato l’esercizio di attività o anche di concessioni. Ma la decadenza può anche conseguire ad inadempimenti gravi (...)". Per quanto riguarda la revoca: "è un provvedimento amministrativo che priva di efficacia durevole un altro precedente provvedimento, ed ha alla base sopravvenuti motivi di pubblico interesse, oppure un mutamento della situazione di fatto non prevedibile al momento dell’adozione del provvedimento revocato o, ancora, una nuova valutazione dell’interesse pubblico originario".

Comunque, precisa Olivieri, questi atti di interruzione di rapporti durevoli hanno un elemento comune: "un iter procedurale che passa dalla comunicazione (se non dalla vera e propria diffida) dell’intenzione di avvalersene, con invito a rimuovere le situazioni che possono portare allo scioglimento del vincolo, per poi giungere successivamente all’adozione del provvedimento, nel rispetto dei termini previsti per consentire al concessionario di “controdedurre” e giustificare il proprio comportamento".

Maurizio Caprino specifica sempre su il Sole 24 ore, che le incognite giuridiche sono tante, “a partire dal fatto che non è mai stata mossa alcuna contestazione formale per gravi inadempienze, come richiesto in prima battuta dalla convenzione. Poi occorrerà vedere come il ministero delle Infrastrutture riuscirà a dettagliare le accuse che ora muove alla società. Potrà farlo solo con il materiale in possesso della sua Svca (Struttura di vigilanza sulle concessioni autostradali, ex-Ivca, incorporato nel 2013 dopo che per decenni la vigilanza era stata discutibilmente affidata all’Anas), che non ha mai brillato per efficacia. Per esempio, i controlli sulle condizioni delle infrastrutture venivano svolti spesso da vetture in movimento, senza deviare il traffico per esami più approfonditi. La Svca, poi, non ha abbastanza personale per fronteggiare i suoi compiti istituzionali (problema comune a molti uffici ministeriali)”.

Inoltre, si legge ancora sul quotidiano, “è prevedibile che un eventuale provvedimento di revoca della concessione verrà impugnato (ndr davanti al Tar e poi al Consiglio di Stato) da Autostrade per l’Italia, aprendo un contenzioso che non potrà non essere lungo e combattuto data l’importanza della posta in palio”.

La risposta di Autostrade per l'Italia e di Atlantia

Dopo gli annunci di una possibile revoca, la società ha pubblicato una nota in cui si legge che "si dichiara fiduciosa di poter dimostrare di aver sempre correttamente adempiuto ai propri obblighi di concessionario, nell'ambito del contraddittorio previsto dalle regole contrattuali che si svolgerà nei prossimi mesi". Questa fiducia "si fonda sulle attività di monitoraggio e manutenzione svolte sulla base dei migliori standard internazionali". Nella nota la società specifica che "peraltro non è possibile in questa fase formulare alcuna ipotesi attendibile sulle cause del crollo" e dichiara che "sta lavorando alacremente alla definizione del progetto di ricostruzione del viadotto, che completerebbe in cinque mesi dalla piena disponibilità delle aree".

Anche Atlantia, che gestisce Autostrade per l'Italia, ha pubblicato un comunicato in cui si legge che, "in relazione a quanto annunciato in merito all’avvio di una procedura finalizzata alla revoca della concessione nella titolarità della controllata Autostrade per l’Italia, deve osservare che tale annuncio è stato effettuato in carenza di qualsiasi previa contestazione specifica alla concessionaria ed in assenza di accertamenti circa le effettive cause dell’accaduto". Inoltre, continua Atlantia, "pur considerando che anche nell’ipotesi di revoca o decadenza della concessione - secondo le norme e procedure nella stessa disciplinate - spetta comunque alla concessionaria il riconoscimento del valore residuo della concessione", cioè un risarcimento.

Aggiornamento 17 agosto, ore 11:30: Abbiamo aggiornato l'articolo inserendo il contenuto dell'articolo 9 bis della convenzione tra Anas e Autostrade per l'Italia e gli articoli di Marcello Clarich e Luigi Olivieri sulla differenza tra decadenza e revoca di un contratto.

Foto in anteprima via Ansa

09 Aug 12:50

Voting Software

There are lots of very smart people doing fascinating work on cryptographic voting protocols. We should be funding and encouraging them, and doing all our elections with paper ballots until everyone currently working in that field has retired.
08 Aug 15:18

the glorious new master race

glorious_tesla_gaming_master_race
06 Aug 14:35

Complex Numbers

I'm trying to prove that mathematics forms a meta-abelian group, which would finally confirm my suspicions that algebreic geometry and geometric algebra are the same thing.
31 Jul 09:49

10 physics facts you should have learned in school but probably didn’t

by Sabine Hossenfelder
[Image: Dreamstime.com] 1. Entropy doesn’t measure disorder, it measures likelihood. Really the idea that entropy measures disorder is totally not helpful. Suppose I make a dough and I break an egg and dump it on the flour. I add sugar and butter and mix it until the dough is smooth. Which state is more orderly, the broken egg on flour with butter over it, or the final dough? I’d go for
30 Jul 12:21

Photo













30 Jul 12:09

Peer Review

Your manuscript "Don't Pay $25 to Access Any of the Articles in this Journal: A Review of Preprint Repositories and Author Willingness to Email PDF Copies for Free" has also been rejected, but nice try.